media & sipario - Modigliani in mostra, al Palazzo Ducale di Genova fino al 16 luglio

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

articoli

27
Tue, Jun

Modigliani in mostra, al Palazzo Ducale di Genova fino al 16 luglio

Strumenti
Carattere

Ad uno dei più importanti artisti del Novecento è dedicata l'esposizione, aperta ufficialmente il 16 marzo e  visitabile fino al 16 luglio 2017

GENOVA - È indubbio che la fortuna di Amedeo Modigliani è iniziata il giorno dopo la sua morte. E che in vita non ebbe mai quel consenso e riconoscimento del suo stile che aveva sempre cercato. Se gli scatti di collera, le liti, le ubriacature e le altrettante gentilezze, la sua aura di ebreo italiano colto, dai bei modi e dal grande charme, erano diventati il suo marchio tra artisti, collezionisti e amici parigini, erano anche il segnale di una ricerca e un’intensità protratta allo stremo. (vedi "Modigliani", un intenso e passionale omaggio teatrale e visivo)

cariatide - nudo

L’esposizione nell'Appartamento del Doge si propone di illustrarne il percorso creativo, affrontando le principali componenti della sua carriera breve e feconda. Attraverso una trentina di dipinti - provenienti da importanti musei e da prestigiose collezioni europee e americane - oltre ad altrettanti disegni, si intende mettere in risalto il grande valore della sua ricerca in quel clima assolutamente unico creatosi nella Parigi d’inizio Novecento.

celine howard

Nella mostra particolare attenzione viene rivolta all'aspetto centrale della ricerca del tormentato artista livornese, ovvero la sua predilezione per il ritratto.

kisling

Numerosi sono i dipinti che Modigliani dedica a occasionali modelle ma anche ad amici e compagni d’avventura, protagonisti anch’essi della vita culturale parigina d’inizio secolo, tra Montmartre e Montparnasse. Modigliani testimonia l’effervescenza dell’ambiente artistico e culturale parigino di quegli anni, dove convivono e si incontrano grandi mecenati e mercanti, protagonisti di un’irripetibile stagione di rinnovamento della pittura.

matita

La sua pittura è di una qualità estrema, introversa, introspettiva, votata al ritratto che rappresenta indubbiamente l’elemento privilegiato attraverso il quale evidenziare la sua cifra stilistica che per primo introduce uno strettissimo rapporto psicologico con il soggetto per poi avviarsi progressivamente verso una purezza e un’eleganza formale assolute. I suoi modelli preferiti sono i colleghi pittori, i letterati e gli intellettuali, gli amici più intimi, le persone che condividono il suo mondo.

paesaggio

La mostra rivolge la propria attenzione anche ai Nudi di Modigliani, e basterebbe il sensualissimo Nudo disteso del 1918 a testimoniare la sorprendente carica erotica unita a una capacità introspettiva altrettanto forte, e opere della piena maturità dell’artista, di intenso realismo, che emanano una forte sensualità e che all’epoca suscitarono grande scalpore.

ritratti

La mostra offre l’opportunità di ammirare studi, disegni, acquarelli, tempere in particolare quelli per le Cariatidi, figure di donne accovacciate con le braccia levate, dalle forme opulente, tondeggianti, ricche di rimandi all’arte primitiva, greca antica, tribale, etrusca, negra; testimonianza eccezionale dell’indagine volumetrica dell’artista e del culto personalissimo tributato alla figura femminile della quale Modigliani propone un’interpretazione arcaica, alla ricerca di una bellezza ideale in cui il sensuale si mischia allo ieratico, l’audacia alla grazia, la dolcezza al mistero.

ragazza - lolotte

Modigliani, a Palazzo Ducale (Appartamento del Doge) di Genova, in Piazza Matteotti 9, dal 16 marzo al 16 luglio 2017. Dal lunedì alla domenica, dalle ore 9:30 alle ore 19:30, il venerdì dalle ore 9:30 alle ore 22. (fonte immagini Ufficio Stampa - tutti i diritti riservati)

Ulteriori informazioni: sito internet www.modiglianigenova.it - telefono 010.9280010