media & sipario - Caffeina Festival a Viterbo, dal 23 giugno l'undicesima edizione

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

articoli

17
Thu, Aug

Caffeina Festival a Viterbo, dal 23 giugno l'undicesima edizione

Strumenti
Carattere

Puntuale, come le polemiche che ne hanno spesso accompagnato il cartellone, torna nella città laziale il festival culturale estivo Caffeina

VITERBO - Un contenitore di appuntamenti culturali che volutamente si sovrappongono e, di conseguenza, costringono alla scelta, a volte dolorosa, a volte obbligata. Un programma - da poco rilasciato - di 124 pagine (comprensivo di pubblicità) che comunque cerca di soddisfare ogni genere di spettatore/lettore/curioso.

Struttura oramai ampiamente collaudata dalle dieci precedenti edizioni, sempre alla fine di giugno (quest'anno da venerdì 23 giugno a domenica 2 luglio), con più di 400 proposte che si configurano in una "festa di popolo" che "occupa" pacificamente tutto il centro storico cittadino più alcune particolari e lodevoli (come nel caso della casa circondariale di Viterbo) appendici. Il tema declinato nell'edizione #2017 è la caccia alle stelle "danzanti", perché - come comunica l'organizzazione - "l’idea visionaria di Caffeina è che bisogna sempre guardare oltre, a caccia di stimoli culturali, nuovi, lontani, sconosciuti. E farsi travolgere, come in una lunga estate in piazza".

Dal programma abbiamo evidenziato:

venerdì 23 giugno - alle ore 21 nel Cortile di Palazzo dei Priori "Cercando segnali d’amore nell'universo" con Luca Barbareschi (vedi Cercando segnali d'amore nell'universo dei Teatri italiani) / alle ore 21:30 in Piazza San Lorenzo l'incontro con Roberto Saviano ed il suo ultimo libro "La paranza dei bambini" (edito da Feltrinelli) / alle ore 22:30, sempre nel Cortile di Palazzo dei Priori, Max Paiella, momentaneamente senza "Conigli", costruisce un divertente manuale di sopravvivenza emozionale con "Solo per voi" (vedi Il "paiella" è servito e condito di applausi e risate, a teatro);

sabato 24 giugno - alle ore 21:30 Elio, assieme alla soprano Scilla Cristiano e da I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, presenta una carrellata del repertorio più conosciuto dell’opera buffa, dove si intreccia narrazione favolistica con parti del libretto d’opera: "Madamina il catalogo è questo" / alle ore 22:30 nel Cortile Holden (Piazza San Carluccio) si suona il rock al ritmo della psicologia. Romeo Lippi (vedi Lo Psicologo del Rock analizza Fabrizio De Andrè, o è il contrario?) e Andrea Montesano parlano del libro di quest'ultimo "La psicologia del rock. Crescere con la musica in adolescenza". Il pubblico viene accompagnato con parole e musica alla conoscenza del perché il mondo delle note è così importante nella vita dei giovanissimi (vedi Analisi psicologica e musica sempre a "braccetto" assieme, ora in un libro);

domenica 25 giugno - alle ore 21 Veronica Pivetti, nel Cortile di Palazzo dei Priori, presenta il libro "Mai all’altezza" (edito da Mondadori) in cui spiega come nella vita di ognuno ci siano episodi apparentemente insignificanti in grado di determinare chi si diventerà e ripercorre gli eventi e i traumi di una vita. (vedi Con Veronica Pivetti, abbiamo "smesso di piangere" e sorriso un po\' di più) / alle ore 22:30, stesso luogo, lo status di scrittore passa a Riccardo Rossi con "Così Rossi che più Rossi non si può" (edito da Cairo Publishing). Al giro di boa dei 50 anni, Riccardo Rossi, a modo suo, cerca di esorcizzare la paura di invecchiare ripercorrendo simboli di infanzia e adolescenza, attraverso il restauro del motorino o l’acquisto di un giradischi per l’ascolto di vecchi vinili. (vedi That's Life, buona la prova e ancora meglio la prima);

lunedì 26 giugno - alle ore 21 uno dei più importanti cantanti italiani, Enrico Ruggeri, torna al Caffeina Festival, in Piazza San Lorenzo per parlare del suo libro "Sono stato più cattivo" (edito da Mondadori). Scritto in occasione del suo sessantesimo compleanno, l'artista ripercorre in forma letteraria la propria vita, tappa dopo tappa, scrivendo dei successi e dei fallimenti, cadute e rinascite;

martedì 27 giugno - alle ore 21:30 in Piazza San Lorenzo si rende omaggio al più importante autore musicale che abbia mai incontrato la puntina di un giradischi. Neri Marcorè, eccezionalmente affiancato dagli Hotel Supramonte (vedi Il furto di "voce" non sarà punito, ma applaudito! Quando lo fanno gli Hotel Supramonte), cerca di superare il ricordo e l'omaggio a Fabrizio De André con "La portò sopra una stella"

giovedì 29 giugno - alle ore 21 in Piazza San Carluccio Giuseppe Culicchia conduce il pubblico all’interno di "Moby Dick", capolavoro di Herman Melville (la sera successiva il reading dello scrittore è invece dedicato a "1984" di George Orwell);

venerdì 30 giugno - alle ore 21:30 i bambini sono pregati di accompagnare i genitori in Piazza Cappella e di non stupirsi nel sentirli cantare e ballare - mediati dai Cartoon Shock - tutte le sigle dei cartoni animati degli anni '70, '80 e '90, riproposte in chiave rock, ska, reggae e punk (vedi Cartoon Shock, tutti ballano con Kiss me Licia). Al termine del concerto i bambini sono pregati di riportarsi a casa i genitori! / alle ore 22:30 nel Cortile di Palazzo dei Priori Antonello Dose racconta "La rivoluzione del coniglio". Attenzione, il popolare conduttore radiofonico non parla della sua fortunatissima trasmissione (vedi 20 anni di ruggiti e 20 anni di conigli, quindi sono 40?) ma di "venticinque anni di esperienze di buddismo di Nichiren Daishonin e di vita quotidiana che mi hanno permesso di approfondire la conoscenza di me stesso e di quello straordinario, profondissimo e misterioso fenomeno che si chiama vita e che ci vede, consapevoli o meno, tutti coinvolti”;

sabato 1 luglio - alle ore 21:30 Federico Zampaglione (vedi Tiromancino, il Dove tutto è a metà in Tour parte da Montefiascone (VT)) si presenta nelle vesti di romanziere, con "Dove tutto è a metà" (edito da Mondadori), in Piazza San Lorenzo / alle ore 21:30 in Piazza del Fosso si assiste alla rara proiezione di "Nosferatu il vampiro", capolavoro cinematografico muto di Friedrich Wilhelm Murnau, il capostipite di ogni tipo di film horror (di qualità) poi realizzato, in collaborazione con Cineteca di Bologna (vedi Torna, nelle sale e in dvd, "Il Grande Dittatore": ne avevamo bisogno!);

domenica 2 luglio - alle ore 21:30 Caffeina Festival unisce le forze con Jazzup e si congeda attraverso il concerto di Nicola Piovani, impegnato in "La musica è pericolosa". (vedi La musica è pericolosa (ma molto bella!) in Piazza San Lorenzo a Viterbo)

Ulteriori informazioni: sito internet www.caffeinacultura.eu - telefono 0761.970056 - hashtag #acacciadistelledanzanti - ufficio stampa Babel Agency