media & sipario - Eco Sound Fest: indie rock protagonista della seconda serata

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

articoli

24
Mon, Jul

Eco Sound Fest: indie rock protagonista della seconda serata

Strumenti
Carattere

Dopo l'apertura dei Planet Funk, si cambia decisamente suono per la proposta della seconda serata, il 29 luglio

CAPRAROLA - E' sempre difficile riuscire ad imbrigliare la musica in una etichetta che ne possa classificare il genere. La musica è musica, è quella incredibile commistione di base di suoni che è in grado di creare, da quando è nato l'uomo, capolavori e storture, grandi emozioni e fastidi.

Anche l'indie (o alternative) non sfugge a questa regola, riassumendo e classificando chi, in alcuni casi, non ha trovato collocazione in strade musicali già tracciate in precedenza, o per propria volontà o per stridente impossibilità. Le tre proposte dell'ESF, in palco e amplificatori sabato 29 luglio, riassumono la filosofia nobile (non necessariamente da tutti adottata) del genere indie/alt.

I Namusa (progetto giovanissimo, di appena due anni) sono caratterizzati da un'alternanza di sfumature aggressive e delicate, melodiche e dissonanti. Uno sguardo al rock classico di ieri (o di dopodomani?) con venature elettroniche. La band definisce i suoi testi “fatti sociali” perché raccontano le storie delle persone intese come soggetti che vivono i mutamenti e le ripercussioni della società assumendone inevitabilmente le caratteristiche.

Sonorità punk e ska per i Beer Brodaz, in attività da 15 anni e 6 album pubblicati. La line-up è composta da: Arman Derviskadic (chitarra), Corrado Traballesi (voce e chitarra), Massimo Ricciardi (basso), Sefano Mazzucca (batteria).  

Molto interessante il progetto Bamboo, che ricorda nello stile lo "Stomp" teatrale. Sul palco c'è di tutto (bidoni, pentole, plastica, folletti, spazzolini elettrici e pistole giocattolo) e tutto suona e si suona! La line-up: Luca Lobefaro, Massimo Colagiovanni, Valentina Pratesi, Davide Sollazzi e Claudio Gatta.

Chiusura di serata affidata agli L’Indièfinito, un progetto che fa ruotare musicisti ed esperienze che spesso non hanno mai incrociato le proprie note. Una sperimentazione permanente che per questa specifica serata si avvale di: Simone Bravi (batterista dei Kutso), Luca Amendola (bassista di Alex Britti), Cyborg 0 (chitarrista dei Cyborgs), Dario Canal (frontman degli Etruschi From Lakota), Valerio Roscioni (cantante e tastierista dei Joe Victor).

Ulteriori informazioni: pagina facebook www.facebook.com/ecosound.fest - telefono 380.7553853 - sito internet www.ecosoundfest.it - mail ecosoundfest@gmail.com 

CHI E' DI SCENA MUSICALE