media & sipario - Il Tocco di Mida, dal mito al fumetto sci-fi con gli autori di Adventure Time

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

articoli

27
Tue, Jun

Il Tocco di Mida, dal mito al fumetto sci-fi con gli autori di Adventure Time

Strumenti
Carattere

Cosa accadrebbe se il dono di trasformare in oro tutto ciò che si tocca venisse usato come arma per distruggere interi pianeti? Nelle librerie e fumetterie la mini-serie edita in Italia da Edizioni BD

FUMETTI - Un gruppo di ribelli galattici di diverse specie è alla ricerca di un’arma per affrontare una Federazione affamata di potere. Sul loro cammino galattico impattano con un misterioso pianeta invisibile agli strumenti in cui ogni cosa, tranne un corpo umano, sono stati trasformati in oro: un potere immenso che potrebbe cambiare per sempre il destino dell’intero Universo. 

La mitologia incontra così la fantascienza, attraverso la mediazione artistica degli autori di Adventure Time (Ryan North, Shelli Paroline e Braden Lamb) che hanno realizzato la mini-serie "The Midas Flesh", disponibile ora anche sul mercato italiano con il titolo "Il Tocco di Mida", un volume unico edito da Edizioni BD. 232 pagine che uniscono dramma, ironia, civiltà aliene e surreali incontri sovrannaturali, in un pregiato volume cartonato con la copertina caratterizzata da una serie di impronte (dello stesso Re Mida?!) in lamina dorata. Il volume è anche disponibile nel circuito PopStore in edizione speciale (500 copie), caratterizzata da una variant cover curata dallo stesso Ryan North.

il tocco di mida

Le impressioni di lettura di Matteo Pizzirani (titolare della nostra sezione dedicata al "Gaming)

E se il potere di trasformare qualsiasi cosa in oro diventasse un’arma di distruzione di massa? Ce lo racconta Ryan North, già autore di “Adventure Time” con la sua nuova opera: “Il tocco di Mida”, che dà vita ad un inedito mix fra il celebre mito greco ed un’ambientazione sci-fi.

 

copertina

Spazio profondo. L’astronave Prospect inizia la ricognizione di un pianeta non segnato sulle mappe. L’equipaggio ben presto di accorgerà che l’intero pianeta è interamente composto da oro e che qualsiasi cosa venga a contatto con la sua superficie viene istantaneamente tramutata. Ogni cosa è rimasta cristallizzata in questa morsa dorata, la cui fonte è il corpo di un antico re che riporta un’incisione sulla corona: Mida.

Nel frattempo la potente e opprimente Federazione si accorge dei segreti che la Prospect ha portato alla luce e decide di impossessarsi del corpo ed utilizzarlo come un’arma per stringere in una morsa di terrore i pianeti sotto il suo controllo.
Un po' mito greco dunque, un po' Star Wars, con una abbondante spruzzata di nozioni e riferimenti scientifici.

I protagonisti della storia sono i tre membri dell’equipaggio della Prospect: la giovane e risoluta capitana Joey, la scrupolosa Fatima col capo coperto dallo Hijab, e il dinosauro secchione Cooper. Il villain è il perfido generale Russ della Federazione, disposto a tutto per impossessarsi del corpo ed usarlo contro avversari e pianeti ostili.

Sebbene la caratterizzazione dei personaggi funzioni bene nel creare situazioni interessanti, l’originalità del design non è di certo un elemento di spicco della produzione. I protagonisti risultano infatti piuttosto anonimi ad eccezione di Cooper che, con le sue fattezze animalesche, i pantaloni marroncini e gli occhialoni da secchione, ricorda a tratti Bestia degli X-Men.

La lettura risulta piacevole e scorre piuttosto bene nonostante, in particolare nel finale, si vada spesso a rompere il ritmo degli eventi, dilungandosi in tecnicismi su fisica ed astronomia per spiegare le conseguenze che avrebbero determinate azioni.

Ulteriori informazioni: sito internet www.edizionibd.it - ufficio stampa Veruska Motta

CHI E' DI SCENA TEATRALE