media & sipario - Quando il Teatro (Libero di Milano) va a prendere a casa gli spettatori

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

articoli

01
Mon, May

Quando il Teatro (Libero di Milano) va a prendere a casa gli spettatori

Strumenti
Carattere

A questo livello di servizio la sala milanese non è ancora arrivata, ma è sicuramente originale trasportare gli spettatori (7) in una forma di spettacolo itinerante in un furgoncino

Ecco l'agnello di Dio che toglie peccati del mondo / Disse la ragazza slava venuta allo sprofondo / Disse la ragazza africana sul raccordo anulare / Ecco l'agnello di Dio che viene a pascolare / E scende dall'automobile per contrattare (da "L'agnello di Dio" - Francesco De Gregori, 1996)

MILANO - "Medea su Viale Zara" è la storia di una giovane migrante, scappata dal proprio Paese e arrivata in Italia con la speranza di un futuro migliore. Alle spalle chissà quanti sogni e, spesso, l'amore di un uomo che invece di proteggerla e ricambiarla la butta in strada a prostituirsi. L’ambientazione è una delle vie della prostituzione: ogni città ne ha una. Spesso ci sono roulotte, ombrelloni, furgoni, fuochi, luoghi d’avvicinamento, di contrattazione e infine di sfruttamento.

Lo spettacolo/racconto si svolge su un furgone, che parte dal Teatro Libero a Milano alla volta di Viale Zara. Il pubblico a bordo, a fianco di Medea, percorrerà le strade della città, popolate di altre Medee come lei: donne di varie età e nazionalità, con alle spalle analoghe storia, iniziate chissà dove.

Il progetto nasce da un’idea di Gianpiero Borgia, sviluppata poi da Elena Cotugno lungo un intenso percorso di approfondimento, che tuttora prosegue a fianco di assistenti sociali e associazioni che si occupano dell’assistenza in strada e del tentativo di recupero di alcune di queste donne. La drammaturgia che ne è nata si pone nel solco delle libere riscritture del mito di Medea, rivelando allo spettatore d’oggi la “tragedia dello straniero” con la forza del mito greco.

"Medea su Viale Zara", ideazione e regia di Gianpiero Borgia, di Elena Cotugno in collaborazione con Fabrizio Sinisi, con Elena Cotugno. Produzione Teatro dei Borgia.

Partenza dal Teatro Libero di Milano, in Via Savona 10, da mercoledì 18 a domenica 30 aprile. Spettacoli alle ore 19, la domenica alle ore 18:30.

Ulteriori informazioni: mail biglietteria@teatrolibero.it - telefono 02.8323126 - sito internet www.teatrolibero.it - ufficio stampa Simona Griggio

0
0
0
s2smodern

CHI E' DI SCENA TEATRALE