media & sipario - Nuovi scenari per la stagione 2017/2018 del Teatro Parioli di Roma

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

articoli

24
Mon, Jul

Nuovi scenari per la stagione 2017/2018 del Teatro Parioli di Roma

Strumenti
Carattere

Una stagione di rinnovamento e cambiamento, pensata dalla direzione artistica di Luigi De Filippo, per allargare la platea del pubblico teatrale

STAGIONI - E' molto ambizioso il proposito della sala romana: cercare nella trasversalità dei generi il contatto con diverse frange di pubblico, che finora avevano mostrato meno interesse per quanto viene rappresentato su di un palcoscenico. L'obiettivo dichiarato è quello di proiettarsi nel futuro, facendo di elementi quali la partecipazione dell'audience, il coinvolgimento del pubblico, la multimedialità, e l'innovazione, le caratteristiche distintive del nuovo Teatro Parioli. Il tutto con un approccio innovativo, rivolto agli appassionati e alle nuove generazioni, affinché siano coinvolte nei futuri scenari della cultura italiana.

I principali spettacoli in cartellone:

Dal 24 ottobre, Poker di Patrick Marber (versione italiana di Carlo Sciaccaluga), regia di Antonio Zavatteri, con Francesco Montanari e Compagnia Gank. Attraverso una partita di poker, la vita di cinque persone si scandisce in una notte di sfida reciproca, in cui si cerca il riscatto e la gloria. In scena fino al 5 novembre.

Dal 7 novembre, L'avaro di Molière, regia di Ugo Chiti, con Con Alessandro Benvenuti e gli attori di Arca Azzurra Teatro. In scena fino al 19 novembre.

Dal 21 novembre, Sabbie mobili di Benvenuti / Aicardi / Formicola / Pistarino, regia di Alessandro Benvenuti, con Roberto Ciufoli, Nino Formicola, Max Pisu. Due comici in crisi precipitano con il loro piccolo aereo in un luogo misterioso, dove incontrano una strana e singolare creatura che si interessa a loro… In scena fino al 3 dicembre.

Dal 5 dicembre, Due civette sul comò di David Lindsay-Abaire (traduzione di Marco Casazza), regia di Enrico Maria Lamanna, con Valeria Fabrizi e Simona Marchini. Abby si è sempre rifiutata di dividere la stanza di una grande casa di riposo, l'arrivo di una compagna si trasforma immediatamente in uno scontro per la finestra. In scena fino al 10 dicembre.

15 e 16 dicembre, evento speciale con Griselidis: memorie di una prostituta, di Coraly Zahonero (traduzione di Serra Yilmaz), regia di Juan Puerta Lopez, con Serra Yilmaz e al sax Stefano Cocco Cantini.

21 e 22 dicembre, evento speciale con Benvenuti in casa Gori, di Ugo Chiti, regia ed interpretazione di Alessandro Benvenuti.

Dal 26 dicembre, Natale in casa Cupiello, con Luigi De Filippo e la sua compagnia, regia di Luigi De Filippo. Il grande classico di Edoardo non ha bisogno di presentazioni, perché - a differenza del presepe - piace. In scena fino al 14 gennaio 2018.

Capodanno con il Gran Galà dell'Operetta, un insieme delle più belle arie tratte dalle operette di maggior fama con momenti comici portati in scena da sette artisti in palco. Allo scoccare della mezzanotte, brindisi con la compagnia per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Dal 16 gennaio, La vedova allegra, libretto di Victor Léon e Leo Stein, regia di Flavio Trevisan, con Victor Carlo Vitale, Silvia Santoro e la Compagnia Italiana di Operette (vedi Cin Ci Là, una divertente e piacevole gioia visiva e teatrale). In scena fino al 21 gennaio.

Dal 23 gennaio, Notte di follia di Josiane Balasko, regia di Antonio Zavatteri, con Anna Galiena e Corrado Tedeschi. Un conduttore televisivo ubriaco in un bar e una donna da poco uscita di prigione. Due persone agli antipodi, accomunate dallo stesso segreto, iniziano un dialogo divertente e serrato finché... In scena fino al 4 febbraio.

Dal 13 febbraio, torna la Compagnia Italiana di Operette con La duchessa di Chicago, di Emmerich Kálmán, libretto di Julius Brammer e Alfred Grünwald, regia di Marco Simeoli. In scena fino al 18 febbraio.

Dal 20 febbraio, I Have A Dream - Le parole che hanno cambiato la storia, di Gabriele Guidi (anche regista) e Ennio Speranza, con Valentina Lodovini e Ivano Marescotti. Un atto unico dedicato ad alcuni dei più significativi discorsi che, in epoche diverse, hanno contribuito al corso dell’umanità. In scena fino al 4 marzo.

Dal 3 aprile, Il più brutto weekend della nostra vita, di Norm Foster, regia di Maurizio Micheli, con Maurizio Micheli, Benedicta Boccoli, Nini Salerno, Antonella Elia. La verità e le bugie di un’amicizia raccontate con un umorismo che accompagna durante tutto lo spettacolo. In scena fino al 15 aprile.

Dal 17 aprile, chiusura di stagione con il racconto divertente e appassionato di Luigi De Filippo, figlio del grande Peppino, della storia di famiglia. De Filippo racconta De Filippo è in scena fino al 22 aprile.

Al Teatro Parioli di Roma, in Via Giosuè Borsi 20, stagione dal 24 ottobre 2017 al 22 aprile 2018.

Ulteriori informazioni: sito internet www.parioliteatro.it - telefono 06.8073040 - mail info@parioliteatro.it - ufficio stampa Maurizio Quattrini

CHI E' DI SCENA TEATRALE