media & sipario - Giusy Versace a Senza Caffeina: con la testa e con il cuore si va ovunque

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

20
Fri, Oct

Giusy Versace a Senza Caffeina: con la testa e con il cuore si va ovunque

Strumenti
Carattere

Pubblico di Senza Caffeina letteralmente conquistato dalla personalità e dalla forza di Giusy Versace, atleta paralimpica. L’intero ricavato della serata, a offerta, è andato all'associazione Disabili No Limits

SENZA CAFFEINA - “Con la testa e con il cuore si va ovunque”, è il messaggio che Giusy Versace ha lanciato dal palco della manifestazione culturale viterbese, nella serata di domenica. Un’iniezione di ottimismo e di sorrisi che la giovane atleta ha trasmesso alle centinaia di persone presenti.

Riccardo Nisini intervista Giusy Versace

Una grande donna, con una forza e una voglia di vivere impressionanti. Ha raccontato del terribile incidente d’auto dove ha perso le gambe, ma ha resistito al dolore, aggrappandosi alla vita “con le unghie e con i denti”. Grazie ai suoi famigliari, che l’hanno sempre accompagnata e sostenuta, è riuscita a ricominciare ed accettare una nuova possibilità di vita con il sorriso. A distanza di anni dall'incidente, ha deciso di provare a correre e da quel momento non si è più fermata. 

Nonostante il dolore delle protesi, Giusy quando corre si sente felice e più forte: “quando ho iniziato a prendere velocità, io mi sono sentita viva, felice, io mi sono sentita che potevo andare a prendermi il mondo”. Non solo cammina, corre e guida, ma si è dedicata anche al ballo, vincendo un’edizione di “Ballando con le stelle”, ed ha condotto un programma televisivo (Alive. La forza della vita), in cui ha potuto raccontare storie di altre persone che, come lei, hanno avuto il coraggio di rialzarsi e sorridere alla vita. Nel suo libro "Con la testa e con il cuore si va ovunque", o meglio, diario, come lei lo definisce, racconta del suo percorso, tra gioie e dolori, dall'incidente fino ad oggi, aiutata non solo dai parenti ma anche dalla fede.