media & sipario - Tanti auguri a Mafalda, 50 anni di vita passata "spettinandosi"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

22
Wed, Nov

Tanti auguri a Mafalda, 50 anni di vita passata "spettinandosi"

Strumenti
Carattere

Abbiamo celebrato i quarant'anni di bellissime donne e gli ottanta di personaggi famosi. Compie 50 anni anche una giovane donna dai capelli sempre in disordine, che affronta la vita con ironia e sarcasmo: Mafalda

FUMETTI - Mafalda, il cui papà è il disegnatore argentino Joaquín Salvador Lavado Tejón, in arte Quino, come tutte le donne si è affezionata ad un'età e non l'ha mai lasciata. Ha infatti sei anni e una testa arruffata di capelli spesso spettinati - perché le cose belle che, a dispetto di tutto, ci sono nel mondo, spettinano - e una visione disincantata della realtà. Si interessa all'ecologia, rifiuta le ingiustizie, è spesso arrabbiata con gli adulti che non comprende nelle meschinità ed ingiustizie.

Ispirata alla bambina del romanzo argentino "Dar la cara", di David Viñas, la bambina è nata quasi per caso, come mascotte di una campagna di elettrodomestici (mai concretizzata) e finì sulle strisce del supplemento umoristico Gregorio, della rivista Leòplan, fino al 1964, quando divenne protagonista indiscussa di una strip, su richiesta del direttore Julián Delgado, del settimanale Primera Plana.

Il disegnatore, illustratore e fumettista Quino ha più volte ammesso di aver avuto come maestro Schultz: ma se il mondo di Charlie Brown e dei Peanuts è infantile e innocente, la visione di Mafalda è pratica e priva di ingenuità. Una "piccola" adulta che spera di svegliarsi senza guerre e ingiustizie e che rifiuta ogni genere di compromessi. Le sue storie hanno venduto ad oggi circa 50 milioni di copie in tutto il mondo: le sue strisce sono state pubblicate in 50 Paesi e tradotte in 20 lingue ma, come tutte le "primedonne", anche Mafalda (o il suo autore) soffre il successo e si ritira dalla scene.

Dopo dieci anni di pubblicazioni quotidiane, nel 1973, infatti, Quino smette di disegnarne le strisce. "Mi ero stancato a denunciare tutto ciò che non andava attraverso Mafalda - ha dichiarato - Il momento in cui ho deciso di mettere fine alle sue avventure è coinciso poi con l’inizio di un periodo nero per l’Argentina. Quello dei sequestri, delle sparizioni, della dittatura. Il regime militare ha rafforzato la censura. Anche volendo, non avrei mai potuto continuare".

Nonostante la "fine" della carriera Mafalda ha costantemente successo, con apparizioni straordinarie - quasi come Mina che fa sentire la sua voce senza apparire in pubblico - continuando a "cantare" la sua ironia dai libri e dagli ebook, facendoci ridere e tanto riflettere...

Auguri Mafalda per i tuoi primi cinquant'anni! Tanto, per tua fortuna, continuerai sempre a dimostrarne sei!