media & sipario - Terry O'Neill mette in mostra i "volti delle celebrità", al Complesso del Vittoriano di Roma

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Terry O'Neill mette in mostra i "volti delle celebrità", al Complesso del Vittoriano di Roma

Strumenti
Carattere

Ancora grande fotografia d'autore nello spazio espositivo della Capitale. A partire dal 2 marzo la retrospettiva dedicata al fotografo britannico che racconta la Londra degli anni '60

ROMA - "Icons" espone più di 50 scatti, molti dei quali già celebri indipendentemente dalla mostra, che raccontano un'epoca attraverso i volti del cinema, della musica, della moda, della politica e dello sport, testimonianza di come il culto della celebrità, leitmotiv degli anni ’60 e ’70, abbia notevolmente influenzato il lavoro degli artisti dell’epoca. 

007

(Sean Connery e Jill St. John sul set di "Una cascata di diamanti" / Las Vegas, 1971 99 x 73,1 cm © Terry O'Neill)

“Ho avuto fortuna. Mi sono trovato nel posto giusto al momento giusto: la Londra degli anni 60. Avevi l’impressione che ogni giorno succedesse qualcosa di rivoluzionario” - Terry O'Neill.

amy winehouse

(Amy Winehouse prima di salire sul palco per il concerto tributo ai 90 anni di Nelson Mandela / London, 2008 71 x 58,1 cm © Terry O'Neill)

Vivendo tra i miti dello spettacolo e avendo con loro un rapporto di grande vicinanza e complicità, nei suoi cinquant’anni di carriera il 79enne Terry O’Neill ha realizzato alcuni dei ritratti più autentici: da Frank Sinatra (fotografato nell’arco di trent’anni) a Elvis Presley, da Elton John a Bono Vox, da Elizabeth Taylor a Audrey Hepburn, da Brigitte Bardot a Ava Gardner fino a Marlene Dietrich

audrey hepburn

(Audrey Hepburn sul set di "Come rubare un milione di dollari e vivere felici" / Paris, 1966 81 x 58,2 cm © Terry O'Neill)

Tra gli scatti leggendari che hanno catturato momenti cruciali della storia dei più grandi personaggi, una sezione è interamente dedicata a una delle più poliedriche figure dello star system mondiale, icona dandy di stile che ha fortemente influenzato la percezione dell’arte e il mondo della moda di questo ultimo secolo: David Bowie. Al di sopra della innegabile tecnica artistica sono proprio i soggetti rappresentati da O'Neill che rivestono il ruolo di "icona" del XX secolo e che rendono la mostra veramente imperdibile per ogni genere di appassionato.

david bowie ed elizabeth taylor

(David Bowie ed Elizabeth Taylor a casa del regista George Cukor / Los Angeles, 1975 91,1 x 73 cm © Terry O'Neill)

"Icons" è prodotta e organizzata da Arthemisia e curata da Cristina Carrillo de Albornoz. (Copertina: I Beatles negli Abbey Road Studios mentre registrano il loro primo album Please Please Me / London, 1963 54,9 x 73 cm © Terry O'Neill)

paul newman e lee marvin

(Paul Newman e Lee Marvin sul set di "Per una manciata di soldi" / Denver, 1971 99 x 73 cm © Terry O'Neill)

Complesso del Vittoriano di Roma, Via di San Pietro in Carcere, in mostra fino a domenica 20 maggio. Apertura dal lunedì al giovedì dalle ore 9:30 alle ore 19:30, venerdì e sabato dalle ore 9:30 alle ore 22, domenica dalle ore 9:30 alle ore 20:30 (la biglietteria chiude un'ora prima).

Ulteriori informazioni: telefono 06.8715111 - siti internet www.ilvittoriano.com / www.arthemisia.it - ufficio stampa Arthemisia

0
0
0
s2sdefault

CHI E' IN MOSTRA