media & sipario - Ninja e Samurai, Magia ed Estetica in mostra, al Museo d'Arte Orientale di Torino

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

CONSIGLIATI

18
Mon, Dec

Ninja e Samurai, Magia ed Estetica in mostra, al Museo d'Arte Orientale di Torino

Strumenti
Carattere

Un percorso sicuramente suggestivo che si addentra nella storia dei guerrieri giapponesi più conosciuti, i samurai, e nel mistero che circonda la figura dei leggendari guerrieri ombra, i ninja

TORINO - Magia ed Estetica, due sostantivi che costituiscono i più diffusi stereotipi riguardo le figure storiche di ninja e samurai, sono termini scelti con l’intenzione di suggerire una dimensione fantastica per poter giungere, attraverso il percorso espositivo, presentato attraverso 200 opere databili tra il XVI e XX secolo, ad una più attendibile conoscenza di queste figure. Indiscutibile il fascino che hanno esercitato sulle generazioni che si sono susseguite e che continuano tutt’ora a esercitare.

gunsen

Gunsen 軍扇 VENTAGLIO DA GUERRA - Lega di ferro, carta di riso, seta - Giappone, periodo Edo (1603-1868) - Collezione privata

La visione della vita dei samurai è ancorata agli strati più profondi dell’inconscio collettivo del Giappone. Questa visione del mondo, il Bushido - la via del guerriero come arte della guerra ma anche come percorso di conoscenza interiore - ha avuto una grande importanza nella produzione artistica, nella cultura e nella costruzione delle relazioni sociali. Si penetra quindi in un mondo perduto, attraverso le magnifiche rappresentazioni artistiche dell’equipaggiamento guerriero. Tra i tanti pregevoli oggetti in mostra, spiccano per rarità e bellezza un’armatura del periodo Edo appena restaurata, un corredo guerresco da viaggio e una lama da combattimento forgiata nel 1540.

katana

Katana 刀 SPADA. Firma: Nagamasa, lama Koto della Scuola Bizen - Acciaio temprato - Giappone, periodo Muromachi, 1550-1570 - Collezione privata

Dal bagliore delle lame e degli armamenti, dalla delicatezza delle laccature e delle stoffe del mondo dei samurai, si entra nel mondo dei guerrieri dell’ombra, i ninja, con armi - come le famose lame a stella shaken - attrezzi, costumi, strumenti e oggetti esoterici, passando a un diverso concetto di uso del corpo e delle risorse attinte dalla natura e dalla sua osservazione. Per la prima volta in Europa si potrà apprezzare un’esposizione dedicata al repertorio di armi dei ninja così completa per quantità e varietà.

shiho-shaken

Shihō-shaken 四方車剣 STELLE DA LANCIO A QUATTRO PUNTE - Lega di ferro - Italia, riproduzioni da modelli originali - Collezione Privata

I guerrieri-ombra con la propria creatività hanno saputo realizzare strumenti da celarsi nelle vesti e altre che ancora oggi potremmo vedere in film di spionaggio (celebre l'innesto dei ninja in "Si vive solo due volte" di Lewis Gilbert), come il sonaglio shakujo con lama nascosta, che da strumento rituale del buddhismo esoterico diventa oggetto di difesa e attacco, o la lampada con giroscopio che illumina il cammino e che lascia che il ninja scompaia avvolto dalle tenebre una volta appoggiata al terreno.

jutte

Jutte 十手 MANGANELLO - Leghe metalliche, seta, pelle di razza - Giappone, periodo Edo (1603-1868) - Collezione privata

La mostra si chiude con l’esposizione di oggetti legati alla nascita dei primi corpi di polizia feudale del Giappone unificato, i torimono, espressione di una nuova visone del mondo dove il guerriero non è più addestrato a uccidere per non essere ucciso, ma addestrato a catturare - utilizzando armi e tecniche nuove che traggono origine proprio dagli antichi guerrieri - per portare ordine nella società.

katanakake

Katanakake 刀掛け MOBILETTO PORTA-SPADE - Legno, lacca - Giappone, periodo Edo (1603-1868) - Polo Museale del Veneto - Museo d’Arte Orientale di Venezia

Armi, strumenti e armature non saranno i soli protagonisti della mostra, verranno esposte anche opere d'arte legate ai guerrieri giapponesi: documenti strategici e tecnici d'epoca, opere calligrafiche, una coppia di grandi paraventi, strumenti legati alla cerimonia del tè, maschere e ornamenti teatrali. A corredo e complemento anche xilografie dei maestri Utagawa Kuniyoshi, Utagawa Kunisada Toyokuni III e Katsushika Hokusai.

composizione

Yoroi 鎧 ARMATURA - Lacca, leghe metalliche, seta, cotone, lino, pelle, corno, crine - Giappone, periodo Edo (1603-1868) - Polo Museale del Veneto - Museo d’Arte Orientale di Venezia

Hoshibachi Kabuto, Menpō 星鉢兜,面具 ELMO CON COPPO RIVETTATO E MASCHERA - Leghe metalliche, seta, lacca, crine - Giappone, periodo Edo (1603-1868) - Collezione privata

MAO (Museo d’Arte Orientale) di Torino, Via San Domenico 11, in mostra da venerdì 8 dicembre 2017 a lunedì 2 aprile 2018. Ingresso dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 18; sabato e domenica dalle ore 11 alle ore 19 (la biglietteria chiude un’ora prima). (immagine di copertina: Tachi 太刀 - SPADA. Firma: Hiroie - Legno, oro, madreperla, pelle di razza, acciaio temprato - Giappone, periodo Azuchi-Momoyama, 1592-1601 - Polo Museale del Veneto - Museo d’Arte Orientale di Venezia)

Ulteriori informazioni: telefono 011.4436927 - mail mao@fondazionetorinomusei.it - sito internet www.maotorino.it - pagina facebook www.facebook.com/RealMAOTorino - twitter @maotorino - ufficio stampa Raffaella Bassi

CHI E' DI SCENA (MOSTRE)