media & sipario - Siamo tutti qui per il Marc Chagall Show, a Milano fino al 4 febbraio

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

CONSIGLIATI

21
Sun, Jan

Siamo tutti qui per il Marc Chagall Show, a Milano fino al 4 febbraio

Strumenti
Carattere

Una mostra che ha bisogno di tre registi - Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto e Massimiliano Siccardi - e di una colonna sonora - curata da Luca Longobardi - non è, sicuramente, solo una mostra

MILANO - E' arrivata a Milano - al Museo della Permanente - Chagall. Sogno di una notte d'estate, una forma del tutto inedita di vivere l’arte, aggiungendo spettacolo, musica e tecnologia. La mostra raggiunge il pubblico italiano, dopo il successo francese concretizzato in 500.000 visitatori.

chagall

La mostra-spettacolo è un viaggio per tappe, quelle della creazione artistica di Marc Chagall e della sua vita che si snoda in 12 macro sequenze: Vitebsk, piccolissimo villaggio russo in cui Chagall è nato, la vita, la poesia, i collages, la guerra, le vetrate, l’Opéra Garnier, Daphnis e Chloé, i mosaici, il circo, le illustrazioni per fiabe, la Bibbia. I temi universali della sua opera - quali l’amore, la famiglia, le sue radici, umane e artistiche, i paesaggi, la musica, per come si sono sviluppati nei suoi lavori - appariranno in tutta la loro forza, effervescenza e libertà interpretativa.

chagall

Per la prima volta, il pubblico avrà piena contezza di certi dettagli meravigliosi del suo fare artistico, nonché di alcune opere della collezione del Musée National Marc Chagall di Nizza. In questo nuovo modo di fruire l’opera il visitatore-spettatore sarà in grado di percepire l’enorme densità e la ricchezza espressiva del mondo onirico di Chagall. Accanto alle opere pittoriche, lo spettacolo mostra i suoi collages, le sue vetrate, i mosaici e tutta l’ampiezza del talento artistico di Chagall, in un assieme che inonda lo spazio scenico di colori vivi e cangianti, caratteristici della sua pittura, impregnata di un’atmosfera lirica e poetica. Perché l’opera è tutta attorno, a 360 gradi, mentre il racconto e la musica procedono, parte integrante dell’opera stessa, in una nuova ed emozionante conoscenza dell’arte. Forse quella che molti artisti hanno sognato e che ha come fine ultimo non solo la meraviglia e la capacità di stupire ed emozionare, ma quella di raccontare coinvolgendo l’immaginazione e i sensi dello spettatore, che diviene attore e protagonista del sogno che sta vivendo.

chagall

“Crediamo moltissimo in questo progetto - ha dichiarato Iole Siena, presidente del Gruppo Arthemisia - perché non si tratta di uno di quei prodotti preconfezionati che stanno avvilendo il mondo delle mostre d’arte; questo è un progetto di altissimo livello, che ha alle spalle un enorme lavoro creativo, ed è una riuscita sintesi tra il meglio dell’artigianalità italiana e della tecnologia. Il risultato è sorprendente, è un sogno”.

chagall

“Il Museo della Permanente - è il commento del presidente Emanuele Fiano - si conferma quale polo di attrazione nel panorama milanese con la mostra multimediale su Marc Chagall, che rappresenta un approfondimento essenziale per chi vuole conoscere in chiave contemporanea l’eclettico talento dell’artista russo. Il percorso proposto sa trasmettere emozioni uniche tramite un connubio d’arte che unisce magicamente musica e pittura già sperimentato con grande successo in altre occasioni. La qualità dei curatori rappresenta un sigillo di garanzia per tutti coloro che nelle prossime settimane vorranno venire in via Turati a gustare fino in fondo un crescendo di spettacolo e cultura”.

presentazione

Chagall. Sogno di una notte d'estate al Museo della Permanente di Milano, Via Filippo Turati 34, "in scena" fino a domenica 4 febbraio. Ingressi dalle ore 9:30 alle ore 19:30 (la biglietteria chiude un'ora prima).

Ulteriori informazioni: sito internet www.chagallmilano.show - telefono 02.8929711 - ufficio stampa Gruppo Arthemisia (foto di Massimo Paolone - tutti i diritti riservati)

CHI E' DI SCENA (MOSTRE)