media & sipario - Rock in Roma #2018: i capolavori della musica tra i capolavori della storia

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Rock in Roma #2018: i capolavori della musica tra i capolavori della storia

Strumenti
Carattere

Tradizionale conferenza stampa della decima edizione di Rock in Roma, arricchita da un pregio artistico in più ma non musicale, la scelta del luogo dove ambientare la presentazione: i Musei Capitolini di Roma 

ROMA - Ci si immerge nella storia della città di Roma nel raggiungere la sala Pietro da Cortona, al secondo piano dei Musei Capitolini. Un abbinamento artistico di eccellenza visiva, in attesa delle note mainstream (possono piacere o non piacere, ma è sicuro che abbiano presa su una larghissima "fetta" di pubblico) che andranno in "suono", nella Capitale dal 20 giugno al 26 luglio. Affluenza usuale - ampia - di stampa specializzata e non per una manifestazione musicale che raggiunge nel 2018 la sua decima edizione, mantenendo così costante un format che, negli anni, si sta spostando dalla declinazione più squisitamente e rigidamente "rock" a quella del grande festival musicale, dove la citazione in analogia più insistente è per il Coachella statunitense. Paragone che onestamente non può che far piacere.

gli organizzatori

Presenti tutti i principali protagonisti, come d'obbligo, dai due ideatori e direttori artistici (Sergio Giuliani e Maxmilian Bucci), a vicesindaco Bergamo e assessore Frongia del Comune di Roma (entrambi concentrati sul countdown che separa la Capitale dall'evento floydiano), al media partner Rai Radio2. 

josé ramon dosal

Confermata la bellezza (e necessaria dimensione) del Circo Massimo per il concerto di Roger Waters, si rimane in ambito "storico" con il Teatro Romano di Ostia Antica per ospitare Jeff Beck, Cigarettes After Sex e Myles Kennedy (+ Dorian Sorriaux). Altra novità è costituita dall'Auditorium Parco della Musica - è presente alla conferenza stampa l'amministratore delegato José Ramon Dosal - dove ci sarà lo show degli Hollywood Vampires (Alice Cooper, Joe Perry e Johnny Depp), che desta maggiore curiosità più per le condizioni fisiche di Johnny Depp che per le qualità musicali espresse dal trio, originale senza dubbio. Tutto il resto, e non è poco, come al solito, all’Ippodromo delle Capannelle, la venue storica di Rock in Roma da sempre. 

vicesindaco pergamo

Amplificatori accesi dal 20 giugno 2018. Rispettando gusti e opinioni musicali di tutti, ma anche facendo presente che una manifestazione del genere ha sicuramente bisogno di grandi numeri per riuscire a sopravvivere, segnaliamo il concerto dei Parkway Drive (aggiornamento dell'ultima ora: la data italiana della band australiana è stata annullata) e quello di Myles Kennedy (il 19 luglio ad Ostia Antica). Tutti i dettagli logistici, lineup con preascolti - bisognerebbe istituire una onorificenza per Spotify! - ed eventuali variazioni del programma sul sito internet ufficiale del Festival.

Ulteriori informazioni: sito internet www.rockinroma.com - mail info@rockinroma.com - telefono 06.54220870 - ufficio stampa Daniele Mignardi

(articolo e foto di Luciano Lattanzi - tutti i diritti riservati)

Protected by Copyscape

0
0
0
s2sdefault
pasolini.jpg