media & sipario - "Il Maestro e Margherita" sono al Teatro Eliseo di Roma, fino al 3 febbraio

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

"Il Maestro e Margherita" sono al Teatro Eliseo di Roma, fino al 3 febbraio

Strumenti
Carattere

"L'amore è balzato davanti a noi dal nulla, come un assassino in un vicolo, e ci ha colpiti entrambi, nello stesso istante. Così colpisce la saetta, così colpisce il coltello a serramanico" - dal romanzo originale di Michail Bulgakov

IN SALA - Cercare di dare vita alle magiche e perturbanti pagine de Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov, è forse una delle cose più eccitanti che possa accadere a chi si occupa di teatro. Il Maestro e Margherita è un romanzo pieno di colori potenti e assoluti, tutti febbrilmente accesi, quasi allucinanti. E' un romanzo perturbante, complesso e articolato come il costume di Arlecchino, in cui si intrecciano numerose linee narrative, e dentro il quale prendono vita un numero infinito di personaggi (se ne contano circa 146), che costituiscono una sorta di panorama dell'umano e del sovraumano. Dal diavolo, nella figura seduttiva e mondana di Woland, una sorta di clown feroce che dirige una sarabanda demoniaca, a personaggi che rimandano all'universo grottesco di uno dei maestri di Bulgakov, Nikolaj Gogol.

In questo romanzo, si passa dal registro comico alla tirata tragica, dal varietà più spinto all'interrogarsi su quale sia la natura dell'uomo e dell'amore. Basso e alto convivono costantemente creando un gioco quasi funambolico, pirotecnico, in cui ci si muove sempre sulla soglia dell'impossibile, del grottesco, della miseria e del sublime. A volte si ride, a volte si piange, spesso si ride e piange nello stesso momento. Insomma, in questo romanzo, si vive, sempre.
Il Maestro (personaggio che ha più di una somiglianza con Bulgakov stesso) e Margherita (da molti riconosciuta come moglie dell'autore, Elena Sergeevna), rimangono fatalmente impigliati, imprigionati quasi, l'uno nel corpo e nella mente dell'altra, più nella mente che nel corpo, forse. Per descrivere l'inizio del loro amore il Maestro pronuncia una delle frasi memorabili del romanzo: “l'amore è balzato davanti a noi dal nulla, come un assassino in un vicolo, e ci ha colpito entrambi, nello stesso istante”.

Bulgakov pone all'interno delle maglie della propria scrittura delle vere e proprie bombe ad orologeria, e le lascia poi esplodere, d'improvviso, mostrandoci cosa accade quando una struttura estremamente severa e ordinata entra in contraddizione, e non può più, mai più, nascondersi dietro la sola ragione: “Che cosa sarebbe il tuo bene, se non esistesse il male, e che aspetto avrebbe la terra se le ombre sparissero, perché sono gli oggetti e gli uomini a dare l'ombra. Vorresti scorticare tutto il globo terrestre, portandogli via tutti gli alberi, e tutto ciò che è vivente, solo per la tua fantasia di godere della nuda luce? Tu sei stupido”, dice Woland/Satana ad un emissario di Gesù.

IL MAESTRO E MARGHERITA di Michail Bulgakov. Riscrittura: Letizia Russo. Cast artistico: Michele Riondino e Francesco Bonomo, Federica Rosellini e con (in o.a.) Giordano Agrusta, Carolina Balucani, Caterina Fiocchetti, Michele Nani, Alessandro Pezzali, Francesco Bolo Rossini, Diego Sepe, Oskar Winiarski. Regia: Andrea Baracco. Scene e costumi: Marta Crisolini Malatesta. Luci: Simone De Angelis. Musiche originali: Giacomo Vezzani. Produzione: Teatro Stabile dell'Umbria con il contributo speciale della Brunello Cucinelli Spa. Durata: 2 ore e 40 minuti, escluso intervallo. [foto di copertina: Guido Mencari - tutti i diritti riservati]

Teatro Eliseo di Roma, Via Nazionale 183, in scena fino a domenica 3 febbraio 2019. Spettacoli martedì, giovedì, venerdì e sabato alle ore 20, mercoledì e domenica alle ore 17, il primo sabato anche alle ore 16. Per ulteriori informazioni sullo spettacolo e sulla tournée: sito internet www.teatrostabile.umbria.it - pagina facebook @tsuteatrostabiledellumbria.

0
0
0
s2sdefault
abbado.jpg