media & sipario - Glance To Infinity degli Sviet Margot è proprio un bel disco!

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Glance To Infinity degli Sviet Margot è proprio un bel disco!

Strumenti
Carattere

Come, recentemente, non se ne incontrano spesso, con una giusta e generosa alchimia che attraversa vari generi, un occhio strizzato al passato ma senza nostalgie

DIGITAL REPORT - In realtà la nostra etichetta di ingresso pecca - e molto - di immediatezza, perché Glance To Infinity (pubblicato da Agoge Records e prodotto da Gianmarco Bellumori) è uscito già da qualche mese (il release party è datato 19 maggio 2016), una distrazione, la nostra, che cercheremo di nascondere e mitigare attraverso reiterati ascolti di questo bel lavoro degli Sviet Margot.

Commistione di generi, dicevamo, anche a partire dal nome scelto dalla band (italiana con base nella Capitale), che ha incrociato la traduzione in russo di universo con l'icona sexy dei cartoni di Lupin III. E se la spiegazione sul nome della band fa certamente sorridere, è poi la qualità sonora e la robustezza del progetto che lasciano piacevolmente meravigliati.

Gli Sviet Margot decidono - di loro iniziativa - di collocarsi nel filone indie/alt pop/rock, un genere fatto di mille sottogeneri diversi che, in alcuni casi (non questo!) nasconde progetti poco chiari, in principio per chi li fa e di conseguenza per chi si trova costretto ad ascoltare.

Gli Sviet Margot mantengono pienamente fede alla dichiarata "formula originale" di seducente mix tra una bellissima voce femminile (Tiziana Giudici) che si muove a proprio agio tra new wave (c'è una forte riscoperta degli anni '80 nella musica indipendente italiana di oggi), ma anche spruzzate di progressive (nemmeno troppo accennate, vedi Shining Brain e Glance To Infinity che non a caso travalicano entrambe i 5 minuti), leggere contaminazioni jazz (quanto basta) e una robusta e lineare capacità musicale. C'è anche quel giusto grado di facilità d'ascolto - mutuato dal pop - che rende il disco anche adatto alla macchina o allo smartphone, compromessi moderni con cui oramai chi fa musica, specialmente se digitale, deve obbligatoriamente misurarsi (Glance To Infinity è in vendita nei principali store di musica liquida).

glance to infinity

In totale 13 brani da ascoltare, quando possibile, con molta attenzione, il giusto volume (con qualità) e la necessaria concentrazione, sperando poi - al più presto - di incrociare la strada "live" degli SM, dove abbiamo la certezza che i 5/7 elementi riescano a dare quel qualcosa in più, il sano calore del concerto che purtroppo e ovviamente manca sempre nelle registrazioni digitali.

La line up è costituita da: Tiziana Giudici (voce) - Alessandro Galizi (basso) - Flavio Mazzei (tastiere) - Aldo Moccia (batteria) - Claudio Trocchi (basso) - Francesco La Dolcetta (chitarra) - Nicholas Amanniti (chitarra).

Il disco: Gold Sparkles - Simply Sunny Blue - Vodka'N'Tequila - Excite My Soul - Star And Heartwind - Empty Breath Of Soul - Ash - Rain And Clouds - 8 Hours - Secret Of Life - Twister From Reality - Shining Brain - Glance To Infinity. (foto di copertina di Paolo Trofa - tutti i diritti riservati)

Ulteriori informazioni sulla band: sito internet www.svietmargot.com - pagina facebook Sviet Margot

0
0
0
s2sdefault
chiedimi.jpg