media & sipario - La stagione 2018/2019 del Teatro Marconi di Roma, in scena dal 18 ottobre

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

La stagione 2018/2019 del Teatro Marconi di Roma, in scena dal 18 ottobre

Strumenti
Carattere

Presentata in conferenza stampa congiunta - assieme alla programmazione del Teatro Nino Manfredi di Ostia - la stagione 2018/2019 della sala diretta da Felice Della Corte. In scena da ottobre a luglio

ROMA - Una programmazione variegata che spazia dalla commedia al classico per accontentare tutti i gusti. Con lo slogan “Vivi da protagonista”, Felice della Corte invita il pubblico ad accomodarsi nel suo teatro e augura a tutti di trascorrere meravigliose serate: “Sono certo che chiunque arrivi da noi si affeziona subito. Ci prendiamo cura di ogni singolo dettaglio, dal parcheggio interno, spazioso e custodito, dalle abbondanti apericene preparate ogni sera dal nostro bistrot e poi il cartellone, il vero protagonista, insieme al pubblico, di questa nuova e promettente stagione”.

Stagione 2018/2019

Dal 18 al 28 ottobre - Attrazioni Cosmiche di Marco Cavallaro e Giovanna Chiarilli. Sul palco Marco Cavallaro, Maria Lauria, Ramona Gargano, Marco Maria della Vecchia, Maria Chiara Centorami e Marzia Verdecchi diretti dallo stesso Cavallaro.
E’ il 31 dicembre, il giorno più caotico dell’anno e, all’interno di un locale gestito da amici, si intrecciano amori, storie personali e dammi di ciascuno. Ma tra risate, riflessioni e storie di amore e amicizia si scopre che non si può fare a meno degli altri.

2 e 3 novembre - Analisi Illogica di Marco Predieri, con Giorgia Trasselli e Simone Marzola.
Una commedia avvolta nella struttura e la suspense di un thriller con tutta l’ironia che può scaturire da un goffo malinteso. Ospite per una notte di una amica psicologa, la protagonista si ritroverà a fronteggiare un maldestro visitatore, armato di pistola e idee confuse. Un intreccio brillante che si snoda tra comicità e noir per un finale tutto da scoprire.

Dal 8 al 18 novembre - Il cappello di carta di Gianni Clemente, regia di Felice Della Corte, con Stefania Graniero, Fabrizio Pallotta, Simona Mancini, Armando Puccio, Davide Nebbia, Alessia Francescangeli e Marco Pratesi.
La commedia è ambientata a Roma nel luglio del 1943 e racconta la storia di un’umile famiglia operaia. I protagonisti si troveranno ad affrontare la guerra, il bombardamento di San Lorenzo, il mercato nero, la fame senza perdere mai il sorriso. Una storia di grande umanità che, tra spunti di riflessione e commozione, regala tante risate.

19 novembre - La Parrucchiera dell’Imperatrice - ossia la vera storia della Principessa Sissi di Franca De Angelis, regia di Anna Cianca, con Tiziana Sensi
Si dà voce in un gioco di specchi alla Principessa e alla parrucchiera, alla padrona e la serva, a due donne diverse nel destino e nelle ambizioni, ma accomunate da una stessa condizione esistenziale di infelicità. In replica anche il 17 dicembre, 21 gennaio, 18 febbraio, 15 aprile e 13 maggio.

Dal 22 novembre al 2 dicembre - I sorrisi del portiere di Carlo Picchiotti, regia di Claudio Boccaccini, con Rodolfo Laganà.
Il portiere del sorriso descrive i tratti principali dei condomini di uno stabile di Roma, mostrandoci quanto siano simili a quelli di tutti noi. Il portiere sa tutto dei suoi condomini ed è per questo che un commissario chiede a lui per primo una versione dei fatti ed Orazio, con logica fermezza, gli rivelerà la sua verità con protagonisti, moventi, vittime e colpevoli, fino ad arrivare al finale che non ti aspetti.

Dal 13 al 16 dicembre - …’Na vorta c’era Roma, spettacolo di e con Valentina Olla. In scena anche Edoardo Simeone al pianoforte, Vincenzo Meloccaro al sax soprano e clarinetto, Daniele Trissati alla chitarra classica e acustica e Stefano Napoli al contrabbasso.
Un viaggio suggestivo nel centro della Città Eterna, tra scorci mozzafiato, chiese e sanpietrini, raccontato dal punto di vista di chi è nato in periferia, attraverso il sapore amaro di serenate, stornelli, amori tragici e sonetti di Trilussa.

Dal 27 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 - Tutta colpa del cuore, commedia romantica e brillante di Cinzia Berni e Luca Nannini, diretta da Felice Della Corte.
Vittorio è un docente di criminologia all’università e indomito playboy che, durante una cenetta romantica con una sua allieva Clelia, ha un attacco cardiaco. A soccorrerlo è proprio la madre della ragazza, Giò, una dottoressa attraente e spiritosa. Tra i due nasce così una meravigliosa alchimia. Una commedia ironica e attuale in cui chiunque sia stato, o sarà innamorato, potrà riconoscersi.

Dal 17 al 20 gennaio - E tu sei bellissima di Claudio Proietti e la regia di Claudio Boccaccini, con Simone Colombari e Siddhartha Prestinari.
Una coppia di separati, Paolo e Cristina, si rincontra casualmente in una cittadina di provincia dopo diversi anni. Un climax di ricordi li riporta prepotentemente a un passato che ancora fa male. Si crea, dunque, un vortice di ironia e un concatenarsi di battute che suscitano nello spettatore un sorriso divertito e la possibilità di riflettere sulle opportunità che la vita offre.

Dal 24 gennaio al 3 febbraio - Il fu Mattia Pascal, per la regia Claudio Boccaccini, con Felice della Corte, Alessia Navarro, Siddhartha Prestinari, Paolo Perinelli, Maurizio Greco, Pierre Bresolin e Ilaria Serantoni.
La versione proposta da Boccaccini si avvicina a temi di grande importanza e attualità: l’impossibilità per l’uomo di determinare la propria esistenza e la frantumazione dell’identità in una società che dimentica, sostituisce e procede senza pietà per gli individui.

Dal 7 al 17 febbraio - Love’s kamikaze di Mario Moretti, con Marco Rossetti, sempre per la regia di Claudio Boccaccini.
La storia di due giovani di Tel Aviv, rappresentanti di due popoli, Naomi, ebrea, e Abdul, palestinese, che si amano cercando di dimenticare la sporca guerra e, nello stesso tempo, confrontano e discutono le due civiltà e le diverse motivazioni che animano le due parti.

Dal 21 al 24 febbraio - Viaggio in Italia - Cantando le nostre radici, diretto da Massimo Venturiello, con la direzione musicale di Piero Fabrizi.
Un concerto-spettacolo itinerante, a cura di Tiziana Tosca Donati, Felice Liperi, Paolo Coletta, che attraversa il Bel Paese dalle Madonie della Sicilia fino alla Pontebba friulana, passando per la Maremma, il Molise Arbëreshë, la vera Napoli e che fa tappa in ogni borgo o località, per raccogliere i colori, i profumi e le voci della memoria della Musica Popolare, il tutto attraverso la musica del gruppo RadiCanti.

Dal 28 febbraio al 10 marzo - Immigrati brava gente di Bernardino De Bernardis. Sul palco, insieme allo stesso Bernardino De Bernardis, Angela Ruggiero, Ruddy Almada, Simonetta Milone, Francesca Di Meglio, Matteo Fasanella, Elena Verde e Antonio Coppola.
Cosa succederebbe ad una famiglia napoletana se piombasse in casa un immigrato? La famiglia Croccolo, che incontrerà Omar e sceglierà di accoglierlo, sfidando le paure e la diffidenza di molti, ce lo racconterà in una commedia esilarante.

Dal 21 al 31 marzo - Voci dal cortile di Edna Mazya. Enrico Maria Lamanna dirige Elisabetta Mirra, Brenno Placido, Jacopo Carta e Matteo Bossoletti.
Uno spettacolo di grande attualità sia per il tema degli abusi, che per il tema del bullismo fra minori, che prende spunto da un doloroso episodio di violenza avvenuto nell'estate del 1986 a Hibbutz Shomrat, nel nord Israele.

Dal 4 al 7 aprile - 40 mq, la nuova opera di Emiliano De Martino, che lo vede protagonista insieme a Noemi Giangrande e Laura Sorel.
La storia di un ragazzo alle prese con i dilemmi emotivi e sentimentali che la crescita comporta, tra situazioni paradossali e incursioni di una madre in bilico tra la classica chioccia e la progressista che vuole a tutti i costi un figlio indipendente ed emancipato.

Dal 25 al 28 aprile - La storia d’Ita(g)lia con Daniele Derogatis, Valeria Monetti, Maurizio Paniconi e Alessandro Tirocchi, diretti da Marco Simeoli.
I genitori di tre alunni di una scuola superiore, autori di un lavoro di gruppo sulla storia d’Italia, sono costretti dall’autoritaria professoressa D’Onofri, detta “La Merkel”, a mettere in scena proprio il lavoro realizzato dia loro filgi. Verrà così messo in luce il rapporto dei tre padri coi figli, con la scuola e con il loro essere genitori. Sarà l’occasione per raccontare la Storia d’Italia con vizi, virtù e correzioni comiche, senza privarsi di spunti di riflessione.

Dal 9 al 12 maggio - Tu non mi farai del male - Pippa Bacca di Rosa A. Menduni e Roberto De Giorgi, regia di Tiziana Sensi.
Un testo che narra tra immaginazione e realtà la vita di una donna ricca di ideali che intende l’esistenza come terreno di espressione della propria arte, la cui drammatica fine l’ha resa quasi un emblema di sacra perfezione.

Dal 4 al 7 luglio - Tutto in famiglia di Murray Schisgal con la regia di Felice Della Corte. Con Francesca Nunzi, Marco Simeoli, Marco Della Vecchia e lo stesso Felice Della Corte.
I quattro personaggi, tra equivoci e colpi di scena, cercano maldestramente di dare un senso e un equilibrio alla loro esistenza.

Non mancano poi spettacoli per bambini e ragazzi e una grande attenzione anche alle scuole, con spettacoli pensati e scritti per specifici livelli scolastici, con l’obiettivo di avvicinare gli studenti e i giovani al teatro, offrendo anche la possibilità di stabilire giornate specifiche secondo le esigenze delle scuole stesse, tenendo conto della disponibilità del Teatro e delle compagnie teatrali. [Foto di Agnese Ruggeri]

Al Teatro Marconi di Roma, in Viale Guglielmo Marconi 698e, stagione dal 18 ottobre 2018 al 7 luglio 2019. Spettacoli dal giovedì al sabato alle ore 21, la domenica alle ore 17:30. Biglietti: 20 euro (intero) e 14 euro (ridotto). Per ulteriori informazioni sulla programmazione della sala: sito internet www.teatromarconi.it - mail info@teatromarconi.it - telefono 06.5943544 - ufficio stampa Rocchina Ceglia

0
0
0
s2sdefault
eliseo.jpg