media & sipario - La stagione 2018/2019 del Cinema Teatro Gobetti di San Mauro Torinese

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

La stagione 2018/2019 del Cinema Teatro Gobetti di San Mauro Torinese

Strumenti
Carattere

La sala comunale in provincia di Torino si propone al proprio pubblico con una ricca stagione teatrale, con la direzione artistica di Stefano Mascagni. Opening act con Lella Costa il 13 ottobre

SAN MAURO TORINESE - Una proposta articolata che ha preso il via sabato 13 ottobre 2018, contraddistinta da un accattivante slogan "Una poltrona in Casa Gobetti" che invita il pubblico a considerarsi di casa nella sala. Gli spettatori come risponderanno? Vedendo gli spettacoli non abbiamo molti dubbi. La gestione della stagione è affidata all'Associazione E20inscena, guidata da Luca Andreotti. 

Stagione 2018/2019

Sabato 20 ottobre - Cabaret, con orchestra dal vivo, allestimento del Teatro delle Forchette diretto da Stefano Naldi, direzione musicale di Vanni Crociani. Ambientato nella Berlino del 1931, mentre il nazismo si diffonde e si rafforza, vengono narrate le vicende legate al Kit Kat Klub e all'amore della diciannovenne cabarettista inglese Sally Bowles con lo statunitense Cliff Bradshaw.

Venerdì 2 novembre - Se ci sei batti un colpo con Fabio Mascagni, scritto dal Premio Ubu Letizia Russo e diretto da Laura Curino. Un solo attore, molti personaggi, una storia surreale e tragicomica per indagare, attraverso la vita di un giovane uomo che ha tutto ciò che gli serve, tranne il cuore. Un tema caro a chiunque abbia mai avuto il dubbio se davvero valga o no la pena vivere.

Venerdì 16 novembre - Anna Mazzamauro è Nuda e cruda, una confessione pubblica in cui la protagonista si spoglia interiormente dei complessi, butta via la maschera e si prende in giro. La nostra recensione

Venerdì 30 novembre - 4 donne e una canaglia con Marisa Laurito, Barbara Bouchet, Corinne Clery e Gianfranco D’Angelo, per la regia DI Nicasio Anzelmo. Davvero straordinarie e divertenti le donne orbitanti attorno a questo classico "maschio crudele" che alterna la propria vita da una donna ad un’altra con cadenza decennale, fino a collezionare un’ex-moglie, una moglie, un’ex-amante ed una amante molto, troppo, giovane.

Sabato 1 dicembre - la Compagnia Campo Theatro presenta la commedia Nemici come prima di Gianni Clementi per la regia di Mauro Stante. Una storia attuale: tragica, cinica, divertente, esilarante, semplicemente esagerata.

Sabato 8 dicembre - il Teatro Stabile di Verona presenta Le ho mai raccontato del vento del nord di Daniel Glattauer, con Chiara Caselli e Paolo Valerio. Una mail all’indirizzo sbagliato e tra due perfetti sconosciuti scatta la scintilla.
Come in una favola moderna, dopo aver superato l’impaccio iniziale, tra Emmi e Leo si instaura un’amicizia giocosa, segnata dalla complicità e da stoccate di ironia reciproca, e destinata ben presto a evolvere in un sentimento ben più potente. 

31 dicembre - Divertimento assicurato con la nuova commedia di Marco Cavallaro Dove vai tutta nuda? In scena Maria Occhiogrosso, Fabio Mascagni, Alberto Barbi e Antonio Sarasso. La suite di un facoltoso albergo romano fa da scena alle disavventure del premier Panciaroli, capo del Governo. Presunte tangenti, un amante insospettabile, la curiosità di un giornalista in cerca di scoop e una moglie che ha il “vizio” di girare sempre tutta nuda o quasi, sconvolgeranno la vita dell’onorevole da sempre riconosciuto come persona dalla condotta esemplare sia sul lavoro, che nella vita privata. In replica anche giovedì 16 maggio 2019.

Sabato 19 gennaio - Giobbe Covatta con La Divina Commediola, una personale versione della Divina Commedia totalmente dedicata ai diritti dei minori: i contenuti ed il commento sono spassosi e divertenti, ma come sempre accade negli spettacoli del comico napoletano, i temi sono seri e spesso drammatici.

Giovedì 31 gennaio - Partenza in salita, un’altra commedia di Gianni Clementi interpretata da Corrado Tedeschi e Camilla Tedeschi. Chi, imparando a guidare, non ha mai provato difficoltà nella partenza in salita? Capire la giusta sincronia fra il rilascio del freno a mano, della frizione e la giusta dose di accelerazione, quando si è alle prime armi, non risulta semplice. Come non è semplice affrontare il mare magnum della “Vita” per una ragazza di 18 anni appena compiuti. E se alle difficoltà proprie di un’età si aggiungono le incertezze e l’immaturità di un padre Peter Pan, improvvisato ed impaziente istruttore di guida, allora la miscela può diventare davvero esplosiva! La nostra recensione

Venerdì 8 febbraio - Giulio Casale si cimenterà con il Teatro classico portando in scena quattro atti unici del drammaturgo russo Anton Cechov: La domanda di matrimonio, I danni del tabacco, L’orso, Tragico controvoglia. Accompagnato sul palco da Giusy Barone e Alberto Basaluzzo, Giulio Casale propone uno spettacolo divertente e coinvolgente con musica live, travestimenti e ritmo. I quattro atti unici sono uniti da un fil rouge rappresentato da un peccato capitale dell’uomo, l'ira, che come una fiamma, una scintilla, un lampo, fa precipitare gli eventi in liti, infiammando gli animi.

Giovedì 14 febbraio - Piero Nuti e Miriam Mesturino sono i protagonisti di Oh dio mio! di Anat Gov per la regia Girolamo Angione. In questo testo ironico, intelligente e surreale di una delle più importanti drammaturghe israeliane, la psicologa Ella, laica, ma desiderosa di una fede, madre single di un ragazzino autistico, riceve un paziente speciale, che dichiara di essere Dio. La donna inizialmente è perplessa, ma poi realizza di trovarsi veramente di fronte a Dio, un dio depresso, malato da 2000 anni, fragile seppur onnipotente, che sta meditando di spazzare il mondo con un nuovo diluvio universale.

Venerdì 15 febbraio - Renato Liprandi, Riccardo Pellegrini, Cristina Olga Manca sono i protagonisti della commedia Uno sconosciuto con mia moglie, scritta e diretta da Antonio Valleggi. Cosa fareste se rientrando a casa trovaste vostra moglie serenamente addormentata accanto ad uno sconosciuto? Cristina, insoddisfatta dalla sua vita coniugale, prende una dose eccessiva di sonnifero per regalarsi del sonno ristoratore, dopo tre notti di insonnia. Sbadatamente versa il restante flacone in una caraffa d'acqua ed esce in giardino per una passeggiata, nel frattempo uno sconosciuto con l'auto in panne e con il cellullare scarico entra nella casa per chiedere aiuto, non trova nessuno, ma beve il contenuto della caraffa.

Sabato 23 febbraio - La nebbiosa di Pier Paolo Pasolini, con Diego Paul Galtieri e Stefano Annoni, regia di Paolo Trotti. È la notte di capodanno del 1959. Moltitudini di goccioline inspessiscono l’aria. Moltitudini di personaggi la abitano e nella nebbia sguazzano. Come i Ragazzi di vita, i Teddy Boy di Pasolini cercano di sopravvivere. Galleggiando. Bande di ragazzi che vedono nei jeans e nei giubbotti di pelle un atto di rivolta contro i loro padri. Sullo sfondo una Milano che sta crescendo. Pasolini non giudica, si limita a guardare, a cucire una storia addosso ai giovani protagonisti.

Sabato 9 marzo - Marco Cavallaro è il protagonista della commedia Se ti sposo mi rovino, pièce spensierata e piena di ritmo dove si contano oltre 400 risate in poco meno di due ore di spettacolo (una ogni 17 secondi). Cosa succede a un miliardario scapolo con “il vizio delle donne” se chiede a tutte di sposarlo? E se tutte piombano a casa sua con l’intento di organizzare le nozze, ma nessuna sa dell’esistenza dell’altra? La nostra recensione

Sabato 23 marzo - Otello di William Shakespeare, adattamento della Compagnia Anà-Thema, Teatro di Udine, per la regia Luca Ferri. Una riscrittura della celebre tragedia shakespeariana che dà una nuova luce senza trascurare la storia e i personaggi. Ogni scetticismo sulla contemporaneità della rappresentazione lascia spazio all’efficacia di un thriller psicologico in grado di mettere in scena i sentimenti che muovono la tragedia proprio come li concepì Shakespeare.

Venerdì 5 e sabato 6 aprile - Come ammazzare la moglie o il marito senza tanti perché di Antonio Amurri, regia di Filippo D’Alessio, con Maddalena Emanuela Rizzi, Andrea Murchio, Bruno Governale, Alessandra Cavallari. Una commedia dall’umorismo elegante che punta il dito sulla vita di coppia, ne presenta in modo esilarante le dinamiche che caratterizzano a volte inconsapevolmente il vivere quotidiano. 

Sabato 13 aprile - Norma/n, liberamente ispirato ai personaggi di Psycho di Robert Bloch, testo e regia di Massimiliano Bolcioni. Fuggita con i soldi del suo principale, una giovane donna si ferma a un motel solitario vicino a Phoenix (Arizona) e viene uccisa a coltellate sotto la doccia. Chi è l’assassino? il giovane proprietario o sua madre? Dopo la scomparsa di un investigatore da loro assunto, la sorella e il fidanzato indagano.

Al Cinema Teatro Gobetti di San Mauro Torinese, in Via Martiri della Libertà 17, stagione dal 13 ottobre 2018 al 16 maggio 2019. Spettacoli alle ore 21. Biglietti a partire da 18 euro. Per ulteriori informazioni sugli spettacoli e sulla programmazione della sala: telefoni 011.0364114 / 011.0364113 - mail cinemateatrogobetti@gmail.com - sito internet www.e20inscena.it - facebook www.facebook.com/cinemateatrogobetti/ - instagram www.instagram.com/cinemateatrogobetti/ - contatti stampa Stefano Mascagni (E20inscena)

0
0
0
s2sdefault
chaplin.jpg