media & sipario - "Romanzo d'infanzia" è teatro, danza e ragazzi. In scena al Teatro Unione di Viterbo

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

"Romanzo d'infanzia" è teatro, danza e ragazzi. In scena al Teatro Unione di Viterbo

Strumenti
Carattere

Il linguaggio del teatro-danza si propone in una formula narrativa più adatta ad essere fruita dai più piccoli (consigliato a partire dai 6 anni). Vincitore del Premio Stregagatto 1997/98

IN SALA - L’infanzia è il diamante della nostra vita, è grezza e abbagliante. Si può scheggiarlo e offuscare la potenza della sua luce. E questo è male? Non so, ma fa male, molto male. Se è vero che d’amore si può impazzire è ancor più vero che senza amore si diventa matti e infelici. E che disastro i bambini senza amore o con troppo amore. Tra gli eterni deboli ci sono i bambini. Crediamo che la diversità sia un diritto che va ribadito in ogni epoca e in ogni paese. Insomma è sempre tempo di trovarsi dalla parte di chi perde, di chi è più debole. Da questi presupposti deriva un metodo di lavoro che influenza e definisce soprattutto la drammaturgia e il lavoro con i danzatori-attori, considerati più importanti del personaggio, del testo e portatori di materiale umano prezioso e vivo. Questo lavoro parla del disagio infantile all’interno dei rapporti primari-affettivi, della violenza fisica e psicologica che l’infanzia subisce a casa o nelle istituzioni, del delitto di non ascoltare i propri figli, di colpe senza colpevoli. In scena due danzatori che si alternano tra essere genitori e figli e poi di nuovo padre e figlio e madre e figlia e poi fratelli, sì, soprattutto fratelli, e alternano il subire e il ribellarsi e fuggire e difendere e proteggersi e scappare e tornare e farsi rapire per sempre senza ritorni: insomma vivere. Una dedica a tutti coloro che non possono fare a meno dell’amore. (Letizia Quintavalla, Antonella Bertoni, Michele Abbondanza, Bruno Stori)

ROMANZO D’INFANZIA di Bruno Stori. Coreografia e interpretazione: Michele Abbondanza e Antonella Bertoni. Regia e drammaturgia: Letizia Quintavalla e Bruno Stori. Musiche: Alessandro Nidi. Ideazione luci: Lucio Diana. Elaborazioni sonore: Mauro Casappa. Costumi: Evelina Barilli. Fonica: Tommaso Monza. Luci: Andrea Gentili/Alberta Finocchiaro. Voce fuori campo: Silvano Pantesco. Produzione: Quintavalla - Stori - Compagnia Abbondanza/Bertoni. Coproduzione: Teatro Testoni Ragazzi con il sostegno di MIBAC – Dip. Spettacolo.

TEATRO UNIONE DI VITERBO, Piazza Verdi, in data unica domenica 10 marzo 2019 alle ore 18. Biglietti: intero a 10 euro (più prevendita), ridotto a 8 euro (più prevendita), bambini a 5 euro. Per ulteriori informazioni sullo spettacolo e sulla programmazione di sala: telefono 388.9506826 - mail teatrounioneviterbo@gmail.com - sito internet www.teatrounioneviterbo.it - pagina facebook @teatrounioneviterbo - twitter/instagram @teatrounione - ufficio stampa Cristina Pallotta / Emanuela Rea.

0
0
0
s2sdefault
salvini.jpg