media & sipario - Le "Voci dal cortile" sono ancora più forti quando urlano dal Teatro Marconi di Roma

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Le "Voci dal cortile" sono ancora più forti quando urlano dal Teatro Marconi di Roma

Strumenti
Carattere

La sala romana diretta da Felice Della Corte ospita l'adattamento italiano del testo di Edna Mazya, con la regia di Enrico Maria Lamanna. In scena un cast under 35 per un racconto che fa riflettere

IN SALA - Nell'estate 1986, in Israele, viene violentata ripetutamente una quattordicenne, gli stupratori sono sette minorenni (intorno ai 17 anni) di poco più grandi della ragazzina. Il tragico e vergognoso "incidente" ha ispirato il testo teatrale di Edna Mayza, diventando uno dei più famosi successi mai realizzati nella drammaturgia israelita. Spostato in Italia, il racconto presenta il dramma di Dora (14 anni e 10 mesi), una ragazzina che vive con la madre, dopo la morte del padre. Dora è sola, le manca la figura paterna e come molte altre bambine della sua età cerca di apparire più grande e più emancipata di quanto nella realtà sia. Se per farsi notare deve tirare una boccata da una sigaretta o bere un paio di birre, lei lo fa. E' probabilmente questa la sua unica (e veniale) colpa.

dora balla davanti al branco

Il branco è costituito da quattro poco meno che diciassettenni, sono "4 bravi ragazzi italiani" (la definizione è di uno dei loro avvocati), Simone, Alessandro, Giulio e Sergio. La ragazzina subisce la violenza fisica dei suoi aggressori e la violenza verbale dei loro avvocati, nell'assurdo processo - uguale a tanti altri - che sporcano le aule di giustizia italiane, ma dopotutto cosa dovrebbe aspettarsi Dora dalla giustizia? "Il sistema giudiziario si basa sulla legge e non sulla giustizia", è l'affermazione di uno dei quattro difensori dei suoi stupratori. Un cast giovanissimo, tutto under 35 come sottolineato, che interpreta - con un minimo cambiamento d'aspetto - sia i cinque protagonisti che i loro cinque avvocati, portando in scena, in forma didascalica e sincopata, gli attimi che precedono lo stupro e le conseguenze "legali". La vergogna è pensare che quello che stiamo vedendo non solo è realmente successo nel passato, ma continua a succedere.

il branco circonda la ragazzina

VOCI DAL CORTILE di Edna Mazya. Traduzione e adattamento: Serena Scateni e Enrico Maria Lamanna. Cast artistico: Elisabetta Mirra, Brenno Placido, Davide Schiavo, Jacopo Carta, Matteo Bossoletti. Regia: Enrico Maria Lamanna. Scene: Chiara Paramatti. Assistenti alla regia: Cecilia Mati Guzzardi e Vladimir Randazzo. Costumi: Teresa Acone. Luci: Marco Macrini. Musiche: Francesco Verdinelli. Grafica: Angela Torzillo. Ufficio stampa: Francesco Fusco. Produzione: Golden Show. Durata: 80 minuti senza intervallo.

dora dopo la violenza

TEATRO MARCONI DI ROMA, Viale Guglielmo Marconi 698 e, in scena da giovedì 21 a domenica 24 marzo 2019. Spettacoli alle ore 21, la domenica alle ore 17:30. Biglietti: intero a 24 euro, ridotto a 20 euro. Per ulteriori informazioni sullo spettacolo e sulla programmazione di sala: telefono 06.5943554 - mail info@teatromarconi.it - ufficio stampa Rocchina Ceglia / Maresa Palmacci.

(articolo e foto di Luciano Lattanzi - riproduzione non consentita)

Protected by Copyscape

0
0
0
s2sdefault
chaplin2.jpg