media & sipario - Quando la "Partenza" è così "in salita", il parcheggio è in discesa e tra gli applausi

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Quando la "Partenza" è così "in salita", il parcheggio è in discesa e tra gli applausi

Strumenti
Carattere

Guido piano /e ho qualcosa dentro al cuore / che mistero / non so neanche dove andare / e m'allontano / anche se dovrei tornare / lei m'aspetta / si potrebbe preoccupare ma c'e' tanto sole - da "Guido piano" di Fabio Concato

RECENSIONE - Un padre sessantenne (Corrado Tedeschi), attore non ancora rassegnato al fatto che gli anni passino per tutti, ma anche per lui, è costretto, per dimostrarsi presente ed utile nella vita della figlia (Camilla Tedeschi), a darle lezioni di guida, perché la ventenne riesca a conquistare l'agognata patente. La ragazza ovviamente vive con la madre dalla quale l'uomo si è separato da tempo. Il padre-attore, maggiormente noto non per meriti artistici ma pubblicitari, cerca a modo suo - tra una spiegazione della giusta sequenza di frizione, freno e gas, e l'altra - di stabilire un rapporto con l'arrabbiata figlia, che non manca occasione di accusarlo di ogni forma di mancanza, presente e passata, nei suoi confronti, e di fargli notare le costanti "assenze". Tanto lui sorride, scherza e gioca, quanto lei è rigida e tagliente.

corrado tedeschi

L'atteggiamento dell'uomo contribuisce a rendere il già normalmente difficile rapporto genitoriale ancora più complesso, non volendo rendersi conto che probabilmente alla ragazza manca un punto di riferimento solido e affidabile e che non ha bisogno delle battute con le quali l'uomo pensa continuamente di sdrammatizzare il rapporto di "non rapporto" che vive con la figlia. E' sicuramente più semplice cercare di mostrarsi come un affascinante uomo di successo (che il pubblico ricorda solo per uno spot pubblicitario), con annessa esibizione di compagna brasiliana di appena 23 anni, che essere un noioso quanto a volte ossessivo e pedante genitore "normale". Un ruolo che sicuramente non gli appartiene, molto più complicato di una partenza in salita o di un parcheggio a lisca di pesce.

corrado e camilla tedeschi

I due si incontrano per molti mesi, scanditi dal cambio di abiti, per le lezioni di guida, ma si scontrano continuamente per le lezioni di vita, dove è la ventenne, nella coppia, quella che sembra essere più adulta, nella sua ansia di crescere ed ottenere l'indipendenza psicologica data dal possedere l'autorizzazione alla guida, mentre l'adulto insegue caparbiamente un atteggiamento giovanilistico, nel tentativo di "frenare" il tic-tac dell'orologio biologico, ma anche probabilmente convinto che questo sia l'unico o il miglior modo di riprendersi l'affetto della figlia. Tra gravidanze annunciate, macchine che si spengono continuamente in mezzo al traffico e un libro di fiabe, vero e proprio punto di svolta nel rapporto, riusciranno i due a: 1) superare l'esame di guida? 2) recuperare il rapporto affettivo? 3) sopravvivere a... Tutte domande alle quali l'unica risposta possibile è costituita dall'ingresso nella sala teatrale. Noi abbiamo visto "Partenza in salita" al suo debutto assoluto al Teatro Golden di Roma

camilla tedeschi

Una piacevole commedia tutta "guidata" all'interno di una macchina e tutta giocata sulla lettera "P" di partenza, parcheggio, Peter Pan, papà e principiante. Gianni Clementi, nella sua scrittura, cita Plauto e Shakespeare, ma più fondamentalmente sposta e ammorbidisce appena la propria linea drammaturgica, realizzando una storia sulla gente comune, come potrebbe capitare nella vita di tanti genitori e figli, alle prese con il primo fondamentale passaggio verso il mondo degli adulti. Nel fare questo, Clementi mette a disposizione della coppia reale dei due attori la possibilità di inserire e sovrapporre vita reale su scene teatrali, andando a confondere, ma senza mai "grattare", il vissuto della famiglia Tedeschi con il copione. Una commistione che funziona e che rende il racconto più delicato, specialmente se misurato con altri contesti già esplorati con successo dall'autore. La coppia padre e figlia, Corrado e Camilla, affronta bene il testo, con la solita baldanza lui, con una leggerissima indecisione lei, dovuta probabilmente dalla difficoltà di una iniziale "partenza in salita". Poi comunque superata dalla discesa successiva, perché è fisiologico che ad una salita corrisponda poi, sempre, una discesa. Non solo in teatro, ma soprattutto nella vita.

il libro di fiabe

PARTENZA IN SALITA di Gianni Clementi. Cast artistico: Corrado Tedeschi, Camilla Tedeschi. Scene: Andrea Bianchi. Regia: Marco Rampoldi e Corrado Tedeschi. Produzione: Skyline Production e Teatro Stabile di Trieste.

(articolo e foto di Luciano Lattanzi - riproduzione non consentita)

Protected by Copyscape

0
0
0
s2sdefault
ronconi.jpg