media & sipario - Al Teatro Vittoria di Roma danno i numeri: 9 è il titolo, 18 i personaggi, ma 2 sono in scena

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Al Teatro Vittoria di Roma danno i numeri: 9 è il titolo, 18 i personaggi, ma 2 sono in scena

Strumenti
Carattere

9 sono i frammenti che compongono il testo di Edoardo Erba, 18 i personaggi interpretati dai 2 attori in scena, Massimiliano Franciosa e Claudia Crisafio, 1 il regista, Mauro Avogadro

IN SALA - Un uomo e una donna si trovano ad affrontare situazioni e relazioni differenti tra passato, presente e futuro. Nove commedie concentrate in solo dieci minuti. In poche battute, dopo aver delineato i personaggi, l’autore tira dritto al punto di svolta, al colpo di scena. I temi e i soggetti delle scene sono diversi, ma lo stile è comune: l’autore parte da situazioni quotidiane concrete, molto riconoscibili e “flettendo” la realtà fa decollare la vicenda che in pochi minuti sconfina nel surreale. 

L'abilità della scrittura sta tutta nella rapidità della costruzione: nessun mattone è sprecato, e ogni dettaglio ha una doppia lettura, che si rivela appieno solo nel finale. Gli interpreti sono sempre due, ma le situazioni che devono affrontare e i loro rapporti sono in ogni scena molto differenti. Il che consente agli attori di esibirsi in una prova di abilità e trasformismo, perché di volta in volta diventano i protagonisti di un'intervista televisiva, una coppia di vecchi in un parco, due giovani in cerca di mobili all'Ikea, una studentessa e un professore in un modo di nuove religioni, un illusionista con la sua agente, una cliente al test drive di un'automobile, una segretaria e un killer, una coppia in ospedale di fronte a una drammatica decisione, due amici a rivedere una storica partita di calcio il cui risultato inaspettatamente cambia. La regia è costretta a trovare soluzioni creative per l'ambientazione di nove scene molto differenti fra di loro. Il mondo dell'illusionismo - citato in uno degli sketch - fa da guida: ogni cambio scena e costume è una piccola magia, intriga e stupisce. Nonostante la serietà dei temi, il registro è comico, e l'impatto sul pubblico è quello di uno spettacolo prensile, capace di coinvolgere e di divertire. Per chi conosce la scrittura di Erba, Nove è un piacevole slalom fra i suoi temi preferiti. Per chi non la conosce è un modo per accostarsi alla sua drammaturgia, che affronta con leggerezza e divertimento ma non senza profondità, i drammi dell'uomo contemporaneo.

NOVE di Edoardo Erba. Cast artistico: Massimiliano Franciosa e Claudia Crisafio. Regia: Mauro Avogadro. Ufficio stampa: NCmedia. [Foto: Manuela Giusto]

TEATRO VITTORIA DI ROMA, Piazza Santa Maria Liberatrice 10, in scena dal 19 al 24 marzo 2019. Spettacoli del martedì, giovedì, venerdì e sabato alle ore 21, mercoledì alle ore 17, domenica alle ore 17:30. Per ulteriori informazioni sullo spettacolo e sulla programmazione di sala: sito internet www.teatrovittoria.it - telefoni 06.5740170 / 06.5740598.

0
0
0
s2sdefault
eliseo.jpg