media & sipario - Io sono Pablo Picasso, per quei pochi al mondo che ancora non lo sapessero

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

23
Mon, Oct

Io sono Pablo Picasso, per quei pochi al mondo che ancora non lo sapessero

Strumenti
Carattere

Fino al 21 gennaio 2018, le Scuderie del Quirinale di Roma ospitano le geniale arte del grande Maestro spagnolo. 10 anni tra Cubismo e Classicismo che affermano - senza alcun bisogno - l'immensità di uno dei più grandi artisti del '900

MOSTRE - E' difficile stabilire cosa possa piacere di più nell'immergersi tra le opere di Pablo Picasso, in mostra temporanea a Roma. Anche se si è sicuramente "abituati" a vedere (anche solo elettronicamente) i suoi quadri, quelle linee e colori che difficilmente non posso essere immediatamente attribuite, suscita veramente meraviglia immergersi nel vissuto personale dell'artista, curiosando tra le teche che ospitano lettere (anche personali), cartoline, foto, appunti che ne permettono una conoscenza quasi privata, che travalica l'aspetto meramente artistico.

arlecchino allo specchio

Sono più di 100 i capolavori presenti nelle Scuderie del Quirinale, tra piccoli e grandi, tra tele e disegni, bozzetti e costumi, tutto accuratamente selezionato dal curatore Olivier Berggruen con la collaborazione di Anunciata von Liechtenstein. Una testimonianza a tutto tondo suddivisa su 10 sale, tra il primo ed il secondo piano dello spazio espositivo romano, più un'appendice esterna a Palazzo Berberini.  

telefonino

Un'attività di ricerca comprensibilmente complessa che ha coinvolto 38 diversi prestatori di Europa, Stati Uniti e Giappone, con due anni di lavoro per un risultato che si colloca tra i più importanti e fondamentali dedicati, finora, a Picasso in Italia. Il progetto è stato elaborato sotto la supervisione del comitato scientifico composto da Carmen Gimenez, Laurent Le Bon, Brigitte Léal, Valentina Moncada, Bernard Ruiz Picasso e Gary Tinterow. Allestimento curato dallo Studio Selldorf di New York.

disegno

La mostra celebra un decennio dell'artista - Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925 - ma anche la sua prima venuta in Italia, nel 1917, con l'amico Jean Cocteau (sono numerosissime le testimonianze in mostra). E' durante il suo soggiorno romano che Pablo Picasso idea i costumi, il sipario - la tela di 17x11 metri è esposta a Palazzo Barberini - e le scene del balletto Parade, che avrebbe poi debuttato a Parigi.

jean cocteau

Un balletto che, come preciserà l’amico e critico Apollinaire, sarà destinato a sconvolgere non poco le idee degli spettatori e la stessa produzione del “genio Picasso”. Accanto a Parade anche i bozzetti per le scenografie e i fondali per il balletto Pulcinella.

programma

In merito all'influenza del soggiorno italiano sul maestro spagnolo, ha sottolineato il curatore Olivier Berggruen: Delle statue antiche lo avevano colpito la monumentalità e la sensualità nascosta, più che le forme e le proporzioni. Ma poi, anticipando certe moderne trasgressioni, Picasso aveva iniziato a mettere insieme con grande disinvoltura “alto” e “basso”.

particolare

Ad arricchimento di già tanta ricchezza, l'anniversario della presenza di Picasso in Italia viene celebrato anche attraverso una serie di appuntamenti culturali (ad ingresso gratuito) in programma tra ottobre e novembre. Quattro diversi eventi che completano sicuramente la conoscenza dell'Artista e ne amplificano i rapporti con la Capitale d'Italia, dove Picasso ebbe un atelier, ovviamente, in Via Margutta.

il flauto di pan

In ogni caso, non è assolutamente necessario essere esperti d'arte o comunque conoscitori della materia per immergersi nella mostra, basta avere voglia - come abbiamo fatto noi - di ammirare qualcosa di bello, riconoscendo al pittore spagnolo quella grandissima capacità e profondità artistica che lo pone molto al di sopra di tanti altri (nel caso in cui l'arte sia classificabile). Perché solo chi conosce le regole, è in grado così magnificamente di trasgredirle.

studi

Alle Scuderie del Quirinale di Roma, Via XXIV Maggio 16 (Google Maps), fino a domenica 21 gennaio 2018. Apertura da domenica a giovedì dalle ore 10 alle ore 20, venerdì e sabato dalle ore 10 alle ore 22:30. (la biglietteria chiude un'ora prima)

le sale

Ulteriori informazioni: telefono 06.81100256 - mail info@scuderiequirinale.it - sito internet www.scuderiequirinale.it - pagina facebook www.facebook.com/ScuderieQuirinale - ufficio stampa Federica Mariani (MondoMostre)

CHI E' DI SCENA TEATRALE

  • 26.09.2017 - I Bonobo, Teatro Roma - Roma, fino al 19.11.2017
  • 28.09.2017 - La cena dei cretini, Teatro Manzoni - Roma, fino al 22.10.2017
  • 04.10.2017 - Fiore di cactus, Teatro della Cometa - Roma, fino al 22.10.2017
  • 10.10.2017 - Tre Sorelle, Teatro Lo Spazio - Roma, fino al 22.10.2017
  • 12.10.2017 - Pacific Palisades, Macro Testaccio (La Pelanda) - Roma, fino al 22.10.2017
  • 18.10.2017 - Filumena Marturano, Teatro Carcano - Milano, fino al 29.10.2017
  • 19.10.2017 - Divina, Teatro Martinitt - Milano, fino al 05.11.2017
  • 19.10.2017 - Next to Normal, Teatro della Luna - Assago (MI), fino al 29.10.2017
  • 22.10.2017 - Hope's Hamlet, Teatro Bianconi - Carbognano (VT), fino al 22.10.2017
  • 22.10.2017 - Amleto vs Romeo, Auditorium Unitus - Viterbo, fino al 30.11.-0001
  • 24.10.2017 - La Glaciazione, Teatro Trastevere - Roma, fino al 29.10.2017
  • 25.10.2017 - La spiaggia, Teatro della Cometa - Roma, fino al 12.11.2017
  • 26.10.2017 - Una scossa ondulatoria, Teatro di Cestello - Firenze, fino al 05.11.2017
  • 26.10.2017 - Bluff Niente è come sembra, Teatro Manzoni - Roma, fino al 19.11.2017
  • 28.10.2017 - Il gobbo di Notre Dame, Teatro Mancinelli - Orvieto (TR), fino al 29.10.2017