media & sipario - Salomè danza allo Spazio Avirex Tertulliano di Milano

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Sidebar

SPETTACOLI CONSIGLIATI

19
Sun, Nov

Salomè danza allo Spazio Avirex Tertulliano di Milano

Strumenti
Carattere

In scena, dal 9 al 19 novembre, la celebre quanto discussa opera di Oscar Wilde, con la regia di Luca Ligato e le musiche originali di Eon

MILANO - Salomè - scrive il regista nelle sue note - è una brillante storia di lussuria, avidità e vendetta, il più controverso lavoro di Oscar Wilde, che accoglie nel suo ventre le perversioni dell'umanità diventando così la rappresentazione, allo stesso tempo, di Eros e Thanatos. Nel corso del dramma, la vediamo sgretolarsi lentamente e trasformarsi da innocente fanciulla a sanguinoso demone, pronta a perdere tutto, anche la sua stessa anima, pur di raggiungere quell'attimo, infinito e brevissimo, in cui potersi sentire amata.
Nel corso del tempo ci siamo abituati a vedere le due figure cardini di questa tragedia moderna, Salomè e Iokanaan, come due archetipi, distanti da noi, spogliati da tutto quello che è umano. Eppure, prima di tutto, sono due esseri umani. Spiritualità e materialità, fragilità e paura, si fondono in loro. Il loro incontro risveglia loro sentimenti che non sapevano si potere provare, si scoprono, alzano barriere, si feriscono. Scaturisce da questa riflessione la scelta di far interpretare Iokanaan a una donna, l'occasione per potere lavorare sul personaggio trattandolo, in opposizione con il sesso dell'interprete, come un semplice uomo, fatto di incertezze, fragilità, timori. Perché prima di essere Santo, Iokanaan era un essere umano.

I protagonisti della vicenda, Salomè (Valentina Mandruzzato), Iokanaan (Nicole Guerzoni), Erode e Narraboth (entrambi portati in scena da Mauro Bernardi), sono ingabbiati nelle relazioni di potere che si creano tra loro. A esprimere scenograficamente questa condizione i personaggi risultano intrappolati in un gioco di corde che si ispira allo shibari, una tecnica molto antica che nelle tradizionali cerimonie religiose giapponesi simboleggiava il collegamento tra l'umano e il divino. (foto di Paride Zappavigna - tutti i diritti riservati)

Spazio Avirex Tertulliano di Milano, Via Tertulliano 70, in scena da giovedì 9 a domenica 19 novembre. Spettacoli dal giovedì al sabato alle ore 21, la domenica alle ore 18:30.

Ulteriori informazioni: telefoni 02.49472369 / 320.6874363 - mail biglietteria@spazioavirextertulliano.it - ufficio stampa Ippolita Aprile

 

CHI E' DI SCENA TEATRALE