media & sipario - "Mi abbatto e sono felice" pedalando sui palchi dei teatri italiani

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

"Mi abbatto e sono felice" pedalando sui palchi dei teatri italiani

Strumenti
Carattere

"La fatica dell'attore": mai frase potrebbe meglio adattarsi al monologo di Daniele Ronco, visto che ogni replica ne "abbatte" il peso corporeo e in forma consistente

TOUR - Ispirato alla "Decrescita felice" di Maurizio Pallante, con la regia di Marco Cavicchioli, lo spettacolo "Mi abbatto e sono felice” è un monologo a zero impatto ambientale che vuole far riflettere su come si possa essere felici, abbattendo l’impatto che ognuno di noi ha nei confronti del Pianeta. Lo spettacolo non utilizza energia elettrica in maniera tradizionale, ma si autoalimenta grazie allo sforzo fisico prodotto dall’attore in scena. Non sono presenti altri elementi scenici, le musiche sono live, i costumi essenziali e recuperati dal guardaroba di nonno Michele, il vero protagonista del monologo. Vincitore dei premi MaldiPalco 2015, CassinoOFF 2016, Premio voce della società giovanile.

“Mi abbatto e sono felice nasce dalla riflessione che mi ha accompagnato nei mesi successivi alla morte di mio nonno, una persona che mi ha insegnato tanto e che stimo infinitamente per la condotta di vita esemplare  perseguita durante i 91 anni trascorsi su questo pianeta”, è la dichiarazione dell'autore e protagonista. (foto di Claudio Bonifazio - tutti i diritti riservati)

Le prossime "pedalate" sono a Pinerolo (Torino) il 25 maggio, a Stresa (Verbano-Cusio-Ossola) il 26 maggio, a Chieri (Torino) il 1 luglio, a Ceriale (Savona) il 23 agosto, a Comano Terme (Trento) il 30 agosto e infine a Mezzano di Primiero (Trento) il 6 ottobre. 

Ulteriori informazioni: telefono 370.3259263 - mail info@mulinoadarte.com - sito internet www.mulinoadarte.com - ufficio stampa Federica Leone

0
0
0
s2sdefault
chaplin.jpg