media & sipario - I Parenti Serpenti si spostano dal Grande Cinema al Teatro Lea Padovani

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

I Parenti Serpenti si spostano dal Grande Cinema al Teatro Lea Padovani

Strumenti
Carattere

Un film amatissimo - splendidamente diretto da Mario Monicelli - che viene costantemente riprogrammato e, malgrado il taglio della vicenda, considerato tra i classici del Natale

MONTALTO DI CASTRO - Un Natale a casa dei genitori anziani, che aspettano tutto l’anno quel momento per rivedere i figli cresciuti, andati a lavorare in altre città. Uno sbarco di figli e parenti affettuosi e premurosi che si riuniscono, ancora una volta, per cercare di spurgare le nevrosi e le stanche dinamiche di coppia di cui sono ormai intrisi. E se quest’anno gli amati genitori volessero cambiare le cose e chiedere qualcosa ai loro figli? Uno spaccato di vita familiare assolutamente attuale, in un crescendo di situazioni esilaranti e spietate in cui tutti possono riconoscersi.

Dalle note di regia“Verità? Paradosso? Spesso, come si è soliti dire, la realtà supera la fantasia. Ciò mi ha spronato ad affrontare questo testo che ha la peculiarità rara di fotografare uno spaccato di vita famigliare sempre assolutamente attuale, purtroppo. Si può far ridere nel raccontarlo e sorridere nell’assistere alle spumeggianti gag, ma allo stesso tempo non ci si può riflettere sopra senza una profonda amarezza, magari scoprendo - per contrasto - la possibilità di una maggior coerenza nei rapporti e negli affetti, così da ricordarsi le meravigliose responsabilità che un cordone ombelicale come quello tra genitori e figli impone. Viviamo in un’epoca in cui i valori, primo fra tutti il rispetto, stanno pian piano sparendo e l’egoismo sta prendendo decisamente il sopravvento sulla carità umana e sulla semplice, fondamentale, empatia. Prima o poi saremo tutti dei vecchi bambini bisognosi di cure, perché trasformarci in soprammobili polverosi, inutili e ingombranti?"

un momento dello spettacolo

Parenti Serpenti di Carmine Amoroso. Regia: Luciano Melchionna. Cast artistico: Lello Arena e Giorgia Trasselli e (in ordine di apparizione) Raffaele Ausiello, Andrea de Goyzueta, Carla Ferraro, Autilia Ranieri, Annarita Vitolo, Fabrizio Vona. Produzione: Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro in collaborazione con Bon Voyage Produzioni e con il Festival Teatrale di Borgio Verezzi 2016. (foto di scena di Luciano Maffettone - tutti i diritti riservati)

Teatro Lea Padovani di Montalto di Castro (Viterbo), Via Aurelia Tarquinia 58, in data unica domenica 18 febbraio, alle ore 18:30.

Ulteriori informazioni: telefono 0766.870115 - mail teatroleapadovani@comune.montaltodicastro.vt.it 

0
0
0
s2sdefault