media & sipario - Se "Chi muore si rivede", per fortuna nostra lo fa anche al Teatro 7 di Roma

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Se "Chi muore si rivede", per fortuna nostra lo fa anche al Teatro 7 di Roma

Strumenti
Carattere

Prendi il debutto di un testo teatrale, ben scritto e interpretato, fai passare sei anni e decidi di "rimetterci penna" (presumibilmente tastiera) anche con l'apporto di un attento supervisore...

ROMA - Nella stagione 2012/2013 abbiamo la fortuna e il piacere di incontrare sulla nostra strada teatrale "Senza Incrociazioni" di Francesco Stella, interpretato dal suo stesso autore assieme a Giuliano Calandra, per la regia di Michela Cangi

"Non ti aspetti la delicatezza del tema trattato, la massima attenzione allo spettatore, la cura nei particolari, la recitazione di Francesco Stella e di Giuliano Calandra, mai sopra le righe o fuori tono. Senza Incrociazioni racconta senza dire, fa riflettere senza lanciare annunci, ti lascia sia con il sorriso che con groppo in gola e, volendo, con una lacrima che viene subito asciugata, meglio se con un fazzolettino passato da chi ci è vicino", così scrivevamo nella recensione di allora. Oggi, e ne abbiamo veramente piacere, quello stesso spettacolo viene riportato nelle sale, con un nuovo titolo, revisione e la supervisione artistica di Nicola Pistoia

Due colleghi, ma anche due amici e, soprattutto, due impresari di onoranze funebri. Due “becchini”, insomma. Pedalando tra sagrati di chiese, storici cimiteri e paesini sperduti Daniele e Nicola competono a raffiche di battute in un duello comico continuo e senza tregua in cui alla risata s’alterna, improvvisa, l’emozione. Proprio come ad una salita segue una discesa: una competizione epica come tra Coppi e Bartali, amici ed eterni rivali. Come tra la Vita e la Morte, con cui i due si confrontano ogni giorno.

Inutile sottolineare che non vederlo (o rivederlo, dipende dai punti di vista) sarebbe veramente un peccato "mortale".

Cast artistico: Francesco Stella e Giuliano Calandra. Supervisione artistica: Nicola Pistoia.

Teatro 7 di Roma, Via Benevento 23, in scena dal 2 al 7 ottobre. Spettacoli alle ore 21, la domenica alle ore 18. Direzione artistica di Michele La Ginestra.

Ulteriori informazioni: sito internet www.teatro7.it - telefono 06.44236382 - mail botteghino@teatro7.it 

0
0
0
s2sdefault
caruso.jpg