media & sipario - Prima stagione per Le Musichall, il nuovo teatro "folle" di Torino

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione dei suoi utenti. Premendo il pulsante OK l'utente ne accetta l'utilizzo sul device

Prima stagione per Le Musichall, il nuovo teatro "folle" di Torino

Strumenti
Carattere

Da Erasmo da Rotterdam ad Arturo Brachetti, ovviamente con i dovuti distinguo (ma nemmeno troppi) che separano (o uniscono) il filosofo tedesco dall'artista italiano

TORINO - Un nuovo spazio teatrale, nel centro storico di Torino, con la direzione artistica di Arturo Brachetti. Inutile confermare quanto possa essere interessante una notizia del genere.

"Le Musichall", ci viene suggerito dal comunicato arrivato in redazione, "è il primo spazio in Italia dedicato totalmente all’intrattenimento, erede ideale dei teatri di varietà, un genere a lungo accantonato e che ora ritorna all’attenzione del pubblico con nuovi locali riaperti in Francia e Germania e ora, primo in Italia, a Torino. L’obiettivo è spingere gli spettatori a vedere quinte e palcoscenico da un altro punto di vista, riavvicinandoli al teatro, e più in generale, allo spettacolo dal vivo: proposte di qualità e per tutti, leggere ma non banali, da cui uscire con il sorriso sulle labbra e il cuore leggero". Doverosamente dato spazio al comunicato, ci concentriamo sugli spettacoli.

Stagione 2018/2019

Venerdì 12 ottobre - A SON PEUI MACH CANSON. IN RICORDO DI GIPO FARASSINO con i Terzo Turno.
Tributo a Gipo Farassino, l’artista piemontese “a tutto tondo” che è riuscito ad oltrepassare la tradizione della canzone dialettale per giungere all’esperienza cantautorale e
teatrale. Luigi Ferroglio ed i suoi sei “musicista” del Terzo Turno propongono un recital che intende ricordarlo nel suo viaggiare in equilibrio precario fra storie di barrieranti pasticcioni e i sentimenti più intimi della sua fanciullezza trascorsa nei cortili della vecchia Torino. I ”musicista” del Terzo Turno sono Luigi Ferroglio, Guido Aghem, Claudio Brusasca, Adriano Gosti, Davide Gugliermetti, Gianni Martina, Massimo Modena.

Venerdì 19 e sabato 20 ottobre - VITA di e con Paolo Carta.
Non è solo uno spettacolo di disegni di sabbia: VITA è una performance unica al mondo, che unisce sfondi creati attraverso la manipolazione della sabbia e le ombre cinesi plasmate dai corpi di agili ballerini. Il mondo immaginato e disegnato da Paolo Carta diventa così un universo vero, reale, vivo, che genera un'esperienza mai provata prima. Davanti agli occhi del pubblico prendono vita scene di vita quotidiana, paesaggi metropolitani, storie d’amore che sbocciano in matrimoni, viaggi in città bellissime, gite domenicali allo zoo.

Sabato 27 e domenica 28 ottobre - IO ED IO Gaber secondo Massimiliano Loizzi e i Mercanti di storie, di e con Massimiliano Loizzi. Musiche e arrangiamenti Giovanni Melucci.
Contrabbasso Stefano Fascioli - Tromba Massimo Marcer.
Uno spettacolo di teatro - canzone ispirato al mondo, alla musica e alla poesia di Giorgio Gaber. È l’autobiografia non autorizzata di Massimiliano Loizzi, narrata attraverso le canzoni del Signor G: una vita fatta di incredibili accadimenti, dietro a cui si cela e si confonde il racconto della storia del Paese. Un monologo in bilico fra satira e poesia, musica e parole, riflessione e divertimento.

Venerdì 9 e sabato 10 novembre - AH, COM’È BELLO L’UOMO di e con Elena Bosco, Giulio Lanfranco, Flavio Cortese. Aiuto alla scrittura e regia Albin Warette.
Un uomo e una donna attraversano l’evoluzione dell’essere umano negli ultimi secoli/anni/oggi, passando dall’homo primaris, nudo e puro, all’homo superlativis, schiavo della tecnologia. Circondati dal contesto reale, fanno del loro meglio per interagire e comunicare tra loro: sociologia? psicologia? critica? Questione di punti di vista, di sicuro intraprendenza. Un terzo personaggio, onnisciente e cinico, si diverte: come un regista cosmico, un po’ cinico e manipolatore, dispensa regali provocando i cambiamenti.

Giovedì 15 novembre - STAND UP COMEDY di e con Saverio Raimondo.
Roma, 1984. Saverio Raimondo è un ansioso contemporaneo. Vive tra smartphone, pornografia, terrorismo globale, crisi di qualunque cosa, mille preoccupazioni della vita quotidiana. Ma ha un super potere, un sesto senso: quello dell’umorismo. Ridicolizza qualunque cosa, a cominciare da se stesso (la sua vita privata, le sue paure, il suo corpo); fa ironia su tutto (i soldi, il sesso, il cibo). Un satiro dei tempi moderni, che offre al pubblico un cocktail di satira feroce, humour surreale, comicità demenziale, paradossi e oscenità nel suo tipico stile “unplugged”.

Venerdì 23 e sabato 24 novembre - LA MORTE BALLA SUI TACCHI A SPILLO di Michela Tilli. Con Silvana Fallisi. Regia Corrado Accordino.
Il monologo è ambientato nel 1964 a Bucchéri, paese natale della Fallisi, in provincia di Siracusa, durante le elezioni politiche. Gli echi del miracolo economico e delle profonde trasformazioni che attraversano la società italiana arrivano in quell'angolo sperduto attraverso la radio, insieme alle canzonette che fanno venir voglia di ballare e alle notizie che sembrano parlare di un altro mondo. I tempi stanno cambiando, ma al paese tutto deve restare com'è, con Don Raffaele che governa da sempre e, se Dio vuole, vincerà anche questa volta.

Venerdì 30 novembre, sabato 1 e domenica 2 dicembre - MAGHI PER UNA NOTTE di e con Luca Regina e Tino Fimiani (aka I Lucchettino). Regia di Paolo Nani.
Lo spettacolo sta per cominciare, la valigia e il cappello del mago sono già in scena, il pubblico sta entrando: insomma c’è proprio tutto, manca solo il mago. Sarebbe un bel guaio, se non fosse che casualmente le maschere di turno in teatro sono i Lucchettino. Il duo, per evitare il disastro, si appresta a sostituire il mago che non arriva ma fin da subito qualcosa sembra andare storto. Riusciranno i nostri eroi a compiere la missione e a salvare la scena?

Sabato 8 e domenica 9 dicembre - LA SCELTA di e con Christopher Castellini.
Considerato lo Stephen Hawking della magia, Christopher rapisce e accompagna il pubblico nel suo mondo onirico, in un vortice di storie incredibili, di esperimenti impossibili e soprattutto di scelte. Di certo lui la sua scelta l’ha già fatta: in carrozzina per una malattia progressiva, non si è mai arreso alla vita, anzi la vive come un dono immenso che condivide sul palco. Viaggi nel tempo, sogni d’infanzia che prendono vita, sfide contro le leggi della fisica, esperimenti che mettono alla prova i limiti dell’essere umano: stupore, divertimento, emozione pura in uno spettacolo coinvolgente fino all’ultimo minuto.

Giovedì 13 dicembre - STAND UP COMEDY di e con Edoardo Ferrario.

Venerdì 14 e sabato 15 dicembre - 193 PROBLEMI.
Uno spettacolo di circo contemporaneo che prende forma dai problemi vissuti realmente dalla compagnia…193 per l'esattezza. Avventure amare e imprevisti, problemi futili e barriere umane: una lista di disagi dal sapore tragicomico per far sorridere e riflettere. La performance si presenta al pubblico come una sorta di esperimento sociale in cui gli individui selezionati non hanno caratteristiche adatte a creare un progetto comune, ma nel quale, attraverso l'ostinazione, riusciranno comunque a portare avanti l'azione scenica.

Da mercoledì 26 dicembre 2018 a domenica 6 gennaio 2019 - SPIKISI, ideato da Arturo Brachetti. Regia di Stefano Genovese. Con la compagnia di artisti de Le Musichall.
Siamo a Chicago nel 1930 e stiamo per entrare in uno speak easy, uno di quei locali in cui ufficialmente si bevono solo gazzosa e orzata, ma che in realtà nascondono molte
sorprese. Al cenno convenuto che solo noi “del giro” conosciamo, tutto si trasforma e il grigio stanzone triste lascia spazio a una festa sfrenata animata da attrazioni, comici e personaggi strampalati.

Giovedì 24 gennaio - STAND UP COMEDY di e con Velia Lalli.
Velia Lalli è la prima stand up comedian donna in Italia. Salutista e divoratrice di merendine cancerogene, romantica e munita di preservativi in borsetta, rispettosa e portata per la rissa nel traffico, Velia Lalli si adopera ogni giorno affinché il suo patrimonio genetico non venga tramandato.

Venerdì 25 e sabato 26 gennaio - A L’OMBRE DE CORÉ.
Con lo spettacolo A l’ombre de Coré i Bakhus portano sul palcoscenico una performance unica nel suo genere, in cui protagonista non è solo la danza: l’esibizione cattura il pubblico accompagnandolo in una nuova dimensione, in cui realtà e finzione si mescolano e fondono perfettamente. Giocando con il movimento del loro corpo, la danza hip hop e quella contemporanea, il duo dei Bakhus si muove tra ombre proiettate e riflesse: l’universo generato è poesia che coinvolge e quasi confonde il pubblico.

Venerdì 1 e sabato 2 febbraio - PRESTIGI di Raul Cremona. Con Raul Cremona e Felipe. Musiche originali dal vivo eseguite da Omar Stellacci
Magia e comicità: il binomio vincente di Raul Cremona, che porta in scena uno spettacolo che diventa un percorso a ritroso nella sua storia artistica. Torna per raccontarci del suo primo incontro con la magia e il palcoscenico, accompagnandoci per mano in un mondo fatto di giochi di magia, macchiette, boutades, canzoni e stralunati personaggi.

Venerdì 8 e sabato 9 febbraio - ANIME LEGGERE di Liubov Cherepakhina. Con Bogdan Svarnyk, Inna Turik, Mykyta Cherepakhin, Yevhenii Nechyporuk.
La compagnia ucraina di mimi Dekru porta in scena uno spettacolo affascinante, divertente, in cui sono protagonisti il movimento e l’improvvisazione. Grazie all’elaborazione di un linguaggio del corpo semplice e senza l'aiuto di elementi scenografici particolari, gli attori ricreano realtà diverse, partendo dalla vita quotidiana: davanti agli occhi del pubblico compare dapprima un mondo marino, abitato da pesci e piante fantasiose di ogni tipo, poi una carrellata di sport diversi e infine anche una storia d'amore tra due "statue viventi".

Giovedì 21 febbraio - STAND UP COMEDY con Luca Ravenna.

Venerdì 1 e sabato 2 marzo - CABARET DU NOUVEAU CIRQUE MAIS À L’ANCIENNE.
Avete tempo? Non avete paura? Le CirkbiZ'arT si occupa del resto e trascina il pubblico per circa un’ora di spettacolo in un cabaret di nouveau cirque, ma fatto all’antica!
In scena tre artisti che propongono tanti numeri diversi, come in uno zapping tra arti differenti: tra tiptap, baffi, break dance, sci di discesa, levitazione e can can il CirkbiZ’arT propone un format di circo che ha sbalordito anche il pubblico più difficile in sette nazioni diverse.

Venerdì 8 e sabato 9 marzo - THE BLACK BLUES BROTHERS, scritto e diretto da Alexander Sunny e Philip Barrel. Con Ali Salim Mwakasidi, Bilal Musa Huka, Hamisi Ali Pati, Rashid Amini Kulembwa, Seif Mohamed Mlevi.
Cinque acrobati kenyoti portano in scena uno spettacolo strabiliante a metà tra circo contemporaneo e commedia musicale, ambientato in un elegante locale in stile Cotton Club. Tra salti mortali e piramidi umane, danza del fuoco e limbo, salti con la corda e tanto Rhythm & Blues, gli scatenati performer si librano nell’aria sulle note della colonna
sonora del leggendario film, emozionando, divertendo il pubblico e sprigionando un’allegria contagiosa.

Giovedì 21 marzo - STAND UP COMEDY con Michela Giraud.
Nata a Roma, ha un cognome francese, origini napoletane e sembra una donna dell'Est. Tutte queste personalità albergano nella sua testa e confliggono tra di loro. Attraverso la stand up comedy si misura con le sfide del suo tempo rimanendone ogni volta sconfitta: sua madre, le sue amiche, i ragazzi (o presunti tali) sono solo alcuni degli animali fantastici che popolano la sua vita.

Sabato 6 e domenica 7 aprile - ALLEGRO ALLEGRO di e con Antonello Costa.
Un titolo semplice, sincero e diretto che forse rappresenta al meglio la filosofia dello show man siciliano. "Allegro Allegro", perché al giorno d'oggi per superare i problemi, la crisi economica, la mancanza di lavoro, il traffico e lo stress non basta essere allegro una volta sola ma bisogna esserlo due volte. Sul palcoscenico si alternano nuovi personaggi, nuove macchiette, canzoni e balletti, il tutto esaltato da luci e costumi come nella tradizione del grande varietà ma sempre all’insegna dell’allegria e delle risate.

Sabato 13 e domenica 14 - TROPPE ARIE. Con Franca Pampaloni, Nicanor Cancellieri e Silvia Laniado. Regia di Rita Pelusio.
Una vecchia zia, dal glorioso passato nella musica, gira i palchi dei teatri di tutto il mondo in coppia con il nipote. Quindi è un duo? No, perché c’è anche Norma, la giovane badante della vecchia zia, che li travolge con la sua passione per la lirica costringendoli ad abbandonare il repertorio classico. Le arie d’opera più famose vengono
interpretate riarrangiate e dissacrate in maniera assolutamente originale, accompagnate dal pianoforte, dal flauto e dai mille oggetti che Norma si inventerà di suonare.

Tutti i dettagli su spettacoli, orari, costi e abbonamenti nel sito internet del Teatro Le Musichall di Torino. 

Le Musichall di Torino, Corso Palestro 14, stagione da venerdì 12 ottobre 2018 a domenica 14 aprile 2019. Spettacoli feriali alle ore 21 (eccezione il 31 dicembre), festivi alle ore 17.

Ulteriori informazioni: telefono 011.19117172 - mail info@lemusichall.com - sito internet www.lemusichall.com - Facebook @LeMusichallTorino - Instagram lemusicahalltorino - ufficio stampa laWhite

0
0
0
s2sdefault
berry.jpg